Al D’Avalos un confronto su "vecchie e nuove dipendenze" - Sarà presentato il rapporto della Prefettura sulle dipendenze
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Eventi 11/10/2017

Al D’Avalos un confronto su "vecchie e nuove dipendenze"

Sarà presentato il rapporto della Prefettura sulle dipendenze

"Vecchie e nuove dipendenze. Il ruolo strategico del networking territoriale" è il titolo dell'incontro in programma alla Pinacoteca di Palazzo D'Avalos a Vasto venerdì prossimo, 13 ottobre, alle ore 10.30. Nell'occasione sarà presentato il Rapporto di ricerca dell'Osservatorio provinciale per le dipendenze patologiche presso la Prefettura di Chieti.

I lavori saranno introdotti da Anna Bontempo, coordinatrice sociale UOC Dipendenze patologiche della ASL Lanciano Vasto Chieti. Ci saranno poi gli interventi di Antonietta Fabrizio, responsabile UOS Dipendenze da sostanze legali della ASL Lanciano Vasto Chieti sul tema "Evoluzione e tendenze dell'uso di alcol e droghe nella realtà locale", di Valeria Mantini, funzionario assistente sociale della prefettura di Chieti, sul tema "Le misure amministrative in un'ottica di prevenzione" e di Gabriele De Francesco, responsabile scientifico dell'osservatorio dipendenze dell'università D'Annunzio sul tema "L'azzardo nella società del loisir".

L'iniziativa è stata promossa da Asl Lanciano Vasto Chieti, Comune di Vasto, Prefettura di Chieti e dal Dipartimento di Lettere, Arti e Scienze sociali dell'Università "d'Annunzio" di Chieti-Pescara.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi