Emanuele e il tiro a segno: quando lo sport abbatte le barriere - L’incontro con giovanissimo atleta e il suo allenatore
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Sport 02/10/2017

Emanuele e il tiro a segno: quando lo sport abbatte le barriere

L’incontro con giovanissimo atleta e il suo allenatore

Emanuele con il suo allenatore La VerghettaEmanuele Santoro ha 11 anni e frequenta la 1ª E della scuola media Rossetti. È un ragazzo non vedente e da luglio ha scoperto una grande passione per il tiro a segno dopo l’incontro con Marco La Verghetta, vastese preparatore e tecnico della nazionale paralimpica di tiro a segno nello staff del ct Giuseppe Ugherani. La scintilla tra Emanuele e il tiro a segno è scoccata sin da subito tanto che oggi ricorda perfettamente il primo giorno in cui ha imbracciato una carabina ed ha sparato i primi colpi. Ogni settimana si allena nella struttura dell’Air Shoting Club Vasto con grande entusiasmo con una mira che migliora volta dopo volta e lo porta sempre più vicino a quel 10.9 del ‘centro perfetto’.

Quando lo incontri non puoi fare a meno di restare affascinato dalla sua vitalità, dalla sua carica di energia e dall’impegno con cui fa le cose. Emanuele suona benissimo il pianoforte (ascoltare per credere), va in piscina presso il Centro Sportivo San Gabriele e ha anche una grande passione per la tecnologia. “Noi genitori - ci racconta mamma Rosanna - siamo aperti ad ogni esperienza di vita normale per lui. Certo, a volte ci sono dei limiti oggettivi ma la sua forza è la nostra forza e quindi li supera sempre con gran successo”. In famiglia l’esperienza del tiro a segno è stata accolta subito positivamente. “Abbiamo accolto con piacere questa occasione. Lui si è lasciato subito affascinare da questa disciplina e stiamo vedendo che acquisisce sempre maggiore concentrazione che lo aiuta a fare esperienze di condivisione insieme ad altri bambini e, perchè no, di competizione. Noi saremo pronti anche ad accompagnarlo in giro quando sarà il momento di fare delle gare”. 

Siamo andati ad incontrare Emanuele e il suo allenatore Marco La Verghetta in una sessione di allenamento per farci raccontare da loro come è nata questa esperienza e come, attraverso la tecnologia, il tiro a segno sia una disciplina aperta a tutti [GUARDA IL VIDEO].

Guarda il video Guarda le foto

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti


Video - Emanuele, il tiro a segno per 'abbattere barriere'

Le interviste ad Emanuele Santoro, giovanissimo tiratore di carabina, e a Marco La Verghetta, preparatore fisico e tecnico della Nazionale paralimpica di tiro a segno
Servizio di Giuseppe Ritucci



 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi