Alzheimer, con AVI una rete per sostenere malati e famiglie - Ieri a Vasto celebrata la Giornata mondiale dell’Alzheimer
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 22/09/2017

Alzheimer, con AVI una rete per sostenere malati e famiglie

Ieri a Vasto celebrata la Giornata mondiale dell’Alzheimer

Patrizia Corvino presenta il logo dell'associazioneAnche a Vasto si è celebrata ieri la Giornata mondiale dell'alzheimer, un appuntamento che in città ha rappresentato la prima uscita pubblica dell'associazione AVI (Alzheimer Vasto Italia). Nella sala Colonna di palazzo d'Avalos l'associazione guidata da Maria Teresa Del Gesso, insieme al Rotary Club Vasto, che da anni sostiene le iniziative a favore dei malati di alzheimer e delle loro famiglie, al Comune di Vasto e tante altre realtà associative, ha promosso un pomeriggio di conoscenza e di festa. 

Un passo importante, come ha ricordato l'assessore Lina Marchesani, è stato quello della creazione nel 2016 del Caffè Alzheimer, frutto della collaborazione tra Servizi sociali comunali e Rotary Club. Il percorso era già iniziato nel 2015 con il corso di formazione tenuto dalla dottoressa Claudia Sacchet, specialista in geriatria e gerontologia del San Pio, per il personale di assistenza e con la preziosa collaborazione delle psicologhe Evelyn Di Santo e Ombretta Greco.

L'associazione AVI, in collaborazione con volontari e associazioni cittadine, ora sarà punto di raccordo per le iniziative da mettere in campo sia dal punto di vista della prevenzione che dell'assistenza e della cura con attività come arteterapia, musicoterapia e peth therapy, come sottolineato anche da Luca Raimondi e da Rosanna Florio. Nell'incontro di ieri, oltre ai vari interventi condotti da Pino Cavuoti, ci sono stati momenti di intrattenimento e divertimento. Presentato anche il logo dell'AVI che, come simbolo, ha scelto il fiore "non ti scordar di me".

Il Caffè Alzheimer e ora l'AVI sono due realtà esistenti in città che potranno senz'altro far crescere la consapevolezza su questa malattia che, in città, interessa oltre 400 persone e le loro famiglie. L'obiettivo, come sottolineato anche dalla dottoressa Sacchet nell'intervista [GUARDA] è quello di poter costituire un centro diurno alzheimer in città per poter dare un sostegno ancora più concreto ai malati e ai loro familiari.

Guarda il video Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti


Video - "Importante aver creato il caffè alzheimer"

L'intervista alla dottoressa Claudia Sacchet, specialista in geriatria e gerontologia del San Pio di Vasto - A cura di Giuseppe Ritucci



 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi