"Lì c’è stata un’urbanizzazione selvaggia. Problema ora tamponato" - La Sasi risponde alle proteste dei residenti di via Martiri della Libertà
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 15/07/2017

"Lì c’è stata un’urbanizzazione
selvaggia. Problema ora tamponato"

La Sasi risponde alle proteste dei residenti di via Martiri della Libertà

Vasto, emergenza idrica in via Martiri della Libertà"Stamattina, al dopo due giorni di lavori, è terminato un intervento che consentirà di limitare i disagi, aumentando la pressione del flusso idrico attraverso l'installazione di una nuova saracinesca all'interno di un pozzetto di via del Porto. In questo modo, riusciremo a limitare i problemi creati da una situazione che abbiamo ereditato e che abbiamo tamponato con un aggravio di spesa". Lo afferma Paola Tosti, componente del consiglio d'amministrazione della Sasi spa, la società che gestisce il servizio idrico integrato (acqua e fogne) in 92 comuni su 104 complessivi della provincia di Chieti, dopo la protesta dei residenti di via Martiri della Libertà, senz'acqua da molti giorni [LEGGI].

"In via Martiri della Libertà - precisa Tosti - la rete da anni presenta problemi, che non sono causati nè da negligenze, né da responsabilità della Sasi. E' una situazione che questo consiglio d'amministrazione ha ereditato. I disagi patiti dai cittadini sono dovuti all'urbanizzazione selvaggia che ha subiuto quella zona, in cui si è costruito senza dotarla dei sottoservizi essenziali. Per questo, le reti idriche e fognarie sono sottodimensionate rispetto allo sviluppo edilizio che ha riguardato quell'area nel recente passato".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi