Vasto   Eventi 14/07/2017

Una serata di solidarietà per
conoscere i vini della Terra Santa

Il vino di Cremisan sabato 15 luglio nei giardini di palazzo d’Avalos

Territori diVini è l'appuntamento di sabato 15 luglio, dalle 19 alle 22, ai Giardini napoletani di Palazzo d'Avalos, che metterà al centro dell'attenzione i vini palestinesi di Cremisan e quelli vastesi in una serata nel segno della solidarietà. L’iniziativa ha come obiettivo quello di far conoscere l’attività del VIS (Volontariato internazionale per lo sviluppo) in Terra Santa, promuovendo la raccolta fondi per il sostentamento del progetto stesso.

"Prodotto in Terra Santa, diffuso in alcuni paesi del Medio Oriente, il vino di Cremisan prende il nome dalla collina in cui i salesiani dal 1896 coltivano viti e realizzano vini - spiegano gli organizzatori -. Sostenere e migliorare la produzione di Cremisan significa supportare tutte le opere dei salesiani in Medio Oriente: scuole, oratori, centri di formazione, parrocchie, con le loro migliaia di studenti, bambini, ragazzi, professori e famiglie. Significa far sentire la nostra vicinanza a loro, che troppo spesso si sentono dimenticati".

La campagna Territori diVini porta a contatto con la realtà palestinese facendo sentire il gusto dei prodotti di Cremisan, offrendo spunti di riflessione, creando occasioni di formazione, incontro e di scambio. La degustazione prevede dei banchi d’assaggio dove i vini verranno serviti e presentati da Sommelier AIS ed accompagnati da prodotti donati dalle altre aziende locali (olio, dolciumi, cibi tipici, salumi ).

Durante la serata ci saranno interventi per far conoscere meglio la realtà di Cremisan e la situazione attuale del conflitto Israelo-palestinese.

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi