A Vasto dodici famiglie senz’acqua da una settimana - Emergenza idrica in un condominio di via Martiri della Libertà
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


17 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 13/07/2017

A Vasto dodici famiglie
senz’acqua da una settimana

Emergenza idrica in un condominio di via Martiri della Libertà

(foto di repertorio)"Siamo esasperati". Dall'esasperazione all'azione legale per interruzione di pubblico servizio il passo può essere breve. A Vasto un palazzo con una cinquantina di residenti è senz'acqua da una settimana. Non ce la fanno più le 12 famiglie del condominio Smeraldo di via Martiri della Libertà. Residenti, ma anche negozi, una palestra e una lavanderia. Rubinetti a secco per tutti ormai da una settimana.

Disagi che si ripetono ad ogni estate da almeno quattro anni. A nulla è servito telefonare ripetutamente al numero verde della Sasi, la società che gestisce il servizio idrico integrato (acqua e fogne) in 92 comuni su 104 complessivi della provincia di Chieti. Oggi un inquilino è andato direttamente negli uffici di via Marco Polo a chiedere il ripristino di un servizio fondamentale.

"Siamo esasperati", scandisce un residente. "Siamo in condizioni di emergenza. L'acqua non arriva ai rubinetti neanche per quella mezz'ora necessaria a riempire l'autoclave. L'anno scorso, di fronte a un disagio così grave, siamo stati costretti a chiamare un'autobotte privata: una fornitura che ci è costata 427 euro. Non vogliamo farlo anche quest'anno, visto che paghiamo le bollette per un servizio che non ci viene fornito. Per questo, siamo pronti a presentare un ricorso d'urgenza al Tribunale di Vasto per interruzione di pubblico servizio". 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi