Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 luglio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Atessa   Cronaca 11/07/2017

Abusava della figlia della
convivente, arrestato 36enne

Di notte rientrava da lavoro e si dirigeva subito nella cameretta della ragazzina

E’ stato accusato di violenza sessuale aggravata e continuata ai danni di una minore di 14 anni e per questo ora in carcere. E’ S.V., 36 anni, di nazionalità rumena che, secondo le indagini svolte dalla Procura della Repubblica di Lanciano e dai Carabinieri di Atessa, avrebbe abusato della figlia della sua compagna dalle festività natalizia nel dicembre 2016 fino al 28 marzo 2017.

L’uomo, quando rientrava a casa a tarda notte a causa del suo lavoro di autotrasportatore, si recava nella cameretta dove la ragazzina dormiva sola, le palpava il seno, infilandole la mano sotto la maglietta del pigiama e le parti intime e al tempo stesso masturbandosi. I fatti risultano essere avvenuti con una frequenza disarmante, circa tre volte a settimana. Solo il racconto della bambina alla mamma e la denuncia di quest’ultima ai Carabinieri, con la consapevolezza dell’uomo di essere stato denunciato, ha evitato una reiterazione del reato.

Il gip del tribunale di Lanciano Massimo Canosa, accogliendo la richiesta del pm Rosaria Vecchi, stante la gravità del reato commesso, la sua più completa assenza di pentimento nonché una chiara volontà di uscirne con i minori danni possibili e il pericolo di una reiterazione del reato, anche nei confronti di altri soggetti, ha emesso a carico dell’indagato la misura cautelare più gravosa, ritenendo non idoneo ogni altro tipo di provvedimento.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi