Mezza San Salvo senz’acqua, Magnacca: "Pronta a denunciare" - La sindaca: "Il presidente della Sasi mi ha risposto che si trova a una comunione"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

San Salvo   Cronaca 04/06/2017

Mezza San Salvo senz’acqua,
Magnacca: "Pronta a denunciare"

La sindaca: "Il presidente della Sasi mi ha risposto che si trova a una comunione"

Tiziana MagnaccaNei giorni di caldo, il peggio che possa capitare è restare senz'acqua. Rubinetti a secco in migliaia di case di San Salvo, dove i cittadini telefonano al Comune per protestare e la sindaca minaccia azioni legali contro la Sasi spa, che gestisce il servizio idrico integrato (acqua e fogne) in 92 Comuni su 104 della provincia di Chieti. 

L'erogazione va a singhiozzo da mercoledì scorso, quando la società ha eseguito dei lavori di riparazione delle tubature. Da ieri, però, la colonnina di mercurio è salita fino a teperature estive.

E oggi i disagi rischiano di diventare emergenza: "Da stanotte - tuona la sindaca, Tiziana Magnacca - mezza città è senz'acqua e non se ne conoscono le ragioni. Ho chiamato il presidente della Sasi, Gianfranco Basterebbe. Mi ha risposto che si trova a una prima comunione. E' inaccettabile. Stiamo ricevendo tantissime telefonate da cittadini inviperiti. Non pretendo miracoli ma, almeno, di sapere la causa del problema. Sono disposta ad andare dai carabinieri a sporgere denuncia". Stando alle parole riferite a zonalocale.it dal primo cittadino, le zone più colpite sarebbero quelle di via Stingi, colle Pagano e via Ripalta.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi