Morte dopo l’operazione, autopsia ed esame istologico per la verità - La relazione del medico legale sarà decisiva per accertare le responsabilità
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 giugno 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 27/05/2017

Morte dopo l’operazione, autopsia
ed esame istologico per la verità

La relazione del medico legale sarà decisiva per accertare le responsabilità

Vasto. Ospedale San Pio da PietrelcinaEseguita l'autopsia sul corpo del 68enne morto il 21 maggio all'ospedale di Vasto dopo un'operazione. In settimana, nell'Istituto di medicina legale di Chieti, l'anatomopatologo della Asl, Pietro Falco, ha svolto l'esame autoptico sul corpo senza vita di Lorenzo Di Nardo, l'uomo di Fresagrandinaria che, la scorsa settimana, aveva subito un intervento in day surgery per eliminare un'ernia inguinale ed era stato dimesso. A casa, nella notte, aveva accusato forti dolori e, il giorno dopo, era stato nuovamente ricoverato al San Pio da Pietrelcina, dove era stato operato. All'uscita dalla sala operatoria, non si era più ripreso. 

La famiglia vuole l'accertamento delle responsabilità. Per questo, ha presentato una denuncia tramite gli avvocati Pierpaolo Andreoni e Massimo La Palombara. 

La Procura di Vasto ha aperto un fascicolo d'inchiesta a carico di 13 persone tra medici e infermieri. Gli indagati sono difesi dagli avvocati Giovanni e Antonello Cerella, Arnaldo Tascione, Franco Ferrante e Silvia Ranalli.

Il medico legale ha prelevato dei campioni di tessuto per eseguire anche l'esame istologico. Entro 60 giorni la relazione da cui dipenderà gran parte dell'esito delle indagini.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi