La frana si riattiva, fango e detriti invadono la Sp 150 - Ruspe comunali in azione, i lavori tardano a partire
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


2 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Guilmi   Cronaca 20/05/2017

La frana si riattiva, fango e
detriti invadono la Sp 150

Ruspe comunali in azione, i lavori tardano a partire

La frana che ha invaso la stradaIn due mesi e mezzo nulla è cambiato, anzi, la situazione è la stessa da 4 anni, da quando il presidente Luciano D'Alfonso raggiunse le zone colpite da dissesto. È bastata qualche ora di pioggia intensa per far tornare in movimento la frana tra Guilmi e Carpineto Sinello. La massa fangosa, come una colata lavica, ha nuovamente bloccato la Sp 150 impedendo la transibilità di una delle pochissime strade rimaste ai cittadini di quella parte di Alto Vastese per raggiungere la valle. 

In questo momento sulla strada provinciale sono in azione le ruspe dei due comuni. Nella notte del 4 marzo scorso alcuni operai di ritorno dalle fabbriche sansalvesi rimasero bloccati e furono riportati in paese con la ruspa [LEGGI]. In quell'occasione sembrava che i lavori dovessero partire entro il mese di aprile. I soldi ci sono, 400mila euro, ma ormai a fine maggio tutto è ancora fermo: a muoversi è solo la frana a ogni nuova pioggia.

Carlo Racciatti, sindaco di Guilmi, sta pressando l'ente, ma agli annunci di partenza imminente dei lavori non seguono i fatti: "Ho chiamato nuovamente la Provincia, ma abbiamo dovuto far andare i nostri mezzi per liberare la strada. Pare che la settimana prossima ci sarà un tavolo tecnico per far partire gli interventi". 
Il condizionale è d'obbligo, la storia degli ultimi 4 anni insegna.

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi