L’estate è vicina, ma l’ex Fs è una giungla dentro Vasto Marina - L’area della vecchia stazione, al centro della riviera, è un parcheggio abbandonato
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 16/05/2017

L’estate è vicina, ma l’ex Fs
è una giungla dentro Vasto Marina

L’area della vecchia stazione, al centro della riviera, è un parcheggio abbandonato

Vasto Marina, il passaggio pedonale della ex stazione ferroviariaIl parcheggio più grande di Vasto è ridotto a una giungla. A maggio inoltrato, versa ancora in condizioni di degrado l'area di risulta della ex stazione ferroviaria di Vasto Marina. La vegetazione incolta ormai ostruisce anche il passaggio pedonale tra piazza Fiume e via Zara.

Tra rifiuti, avanzi di cibo, bottiglie e materassi, lo storico scalo di piazza Fiume è un bivacco notturno.

La scorsa settimana i commercianti del consorzio Vivere Vasto Marina hanno chiesto all'amministrazione comunale la pulizia dell'area, parzialmente asfaltata nel 2008 per trasformare in un parcheggio il piazzale che, fino al 2005, era occupato dai binari della vecchia linea adriatica.

Da tempo i residenti chiedono una decorosa sistemazione della zona, in attesa che la dismessa stazione di Vasto Marina, aperta nel 1863 e chiusa nel 1988, anno dell'inaugurazione dell'attuale scalo di Vasto-San Salvo due chilometri più a sud, diventi l'estremità meridionale della Via Verde della Costa dei Trabocchi, la pista ciclopedonale da Ortona a Vasto, i cui lavori sono stati annunciati nei mesi scorsi dal presidente della Provincia di Chieti, Mario Pupillo.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi