Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

San Salvo   Attualità 26/04/2017

Chiesa di San Nicola: passa il
progetto dei fedeli,no demolizione

La decisione del vescovo Bruno Forte, "riapertura in tempi brevi"

Il sit in piazzaLa chiesa di San Nicola Vescovo di San Salvo non sarà demolita. È questa la notizia che i fedeli attendevano dall'incontro di stamattina tra i rappresentanti del comitato e l'arcivescovo di Chieti-Vasto Bruno Forte. La curia ha deciso di andare avanti con il progetto presentato dai fedeli che prevede la ristrutturazione e il miglioramento sismico dell'edificio di culto; resta inoltre in ballo la possibilità di un ampliamento, come emerso nell'incontro pubblico di qualche tempo fa [LEGGI].

Fabrizio Ciurlia, uno dei rappresentanti del comitato, spiega a zonalocale.it: "L'incontro è andato positivamente. L'ingegnere Claudio Valente dell'università di Chieti nella sua perizia ha evidenziato che non c'è il pericolo di crolli, quindi anche il vescovo Forte ha espressamente chiesto una riapertura in tempi brevi auspicando di venire a celebrare messa in occasione della festa di San Nicola".

Nel pomeriggio il comitato diramerà un comunicato ufficiale con i dettagli dell'incontro di stamattina. Nel frattempo, la gioia è tanta in quei fedeli che per mesi hanno convissuto con il timore di una demolizione dell'edificio-simbolo della comunità. Nei mesi scorsi sono state diverse le iniziative per salvaguarda la chiesa, la più significativa domenica 19 marzo: un sit-in in piazza, mentre a pochi metri di distanza il parroco don Michele Carlucci si apprestava a celebrare messa nel salone parrocchiale [LEGGI]. Un fatto che testimonia non solo lo scollamento degli intonaci della struttura, ma anche tra fedeli e istituzione religiosa locale.

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi