Giovedì Rossettiani, le 16mila canzoni raccontate da Salvatori - La rassegna culturale si apre con il giornalista e critico musicale
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cultura 31/03/2017

Giovedì Rossettiani, le 16mila
canzoni raccontate da Salvatori

La rassegna culturale si apre con il giornalista e critico musicale

Bultrighini, Salvatori e Oliva"Il Salvatori 2017" è una raccolta di 16mila canzoni della musica internazionale raccontate e analizzate da Dario Salvatori. Ieri, il giornalista e critico musicale, è stato l'ospite del primo appuntamento dell'edizione 2017 dei Giovedì Rossettiani che, per il nono anno, vede impegnato il Centro Europeo di Studi Rossettiani nella promozione di appuntamenti dedicati alla cultura. Quest'anno la scelta dell'equipe guidata dal direttore Gianni Oliva [GUARDA L'INTERVISTA] è andata sul rapporto tra musica e letteratura. L'apertura è stata affidata a Salvatori, che ha dialogato con Oliva e con Umberto Bultrighini, musicologo e docente dell'università D'Annunzio, partendo dalle "sue" 16mila canzoni per poi attraversare la storia della musica e ciò che rappresenta per le differenti generazioni.

Nell'incontro alla Pinacoteca di Palazzo d'Avalos non è mancato un passaggio sul mond dei talent. "Ne penso tutto il male possibile - ha detto senza mezzi termini Salvatori -. Oggi passa l'idea che musica e tv siano la stessa cosa ma non è così. Gli autori televisivi si interessano solo agli ascolti, il resto non conta. E poi, vedendo questi ragazzi, capisco come abbiano perso l'abitudine a cantare in un post che non sia la tv. Quando magari c'è del talento e possono uscire fuori si trovano nella condizione di avere un ingaggio ma non un repertorio perchè fino a quel momento hanno cantato solo cover".

Dopo aver parlato del suo lavoro editoriale, che raccoglie e analizza 16mila canzoni di tutte le epoche e ogni anno si arricchisce di ulteriori mille brani [GUARDA L'INTERVISTA], Salvatori si è soffermato anche sul rapporto tra canzone e poesia. "La canzone è un genere a parte, ha schemi differenti rispetto alla poesia. La canzone ha una sua magia, una sua malìa che la poesia non frequenta. La canzone è un concentrato di emotività in tre minuti".

Giovedì prossimo, 6 aprile, i Giovedì Rossettiani ospiteranno al Teatro Rossetti Mario Lavezzi, uno dei più grandi autori della musica italiana.

Guarda il video Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti


Video - Dario Salvatori ai Giovedì Rossettiani

L'intervista a Dario Salvatore, primo ospite dei Giovedì Rossettiani 2017 - Servizio di Giuseppe Ritucci

Video - "La canzone è la colonna sonora della storia"

L'intervista a Gianni Oliva, direttore del Centro Europeo di Studi Rossettiani - Servizio di Giuseppe Ritucci



 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi