Aggressione in piazza, paura di denunciare - Episodio del 26 febbraio, si può procedere solo su querela di parte
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 14/03/2017

Aggressione in piazza,
paura di denunciare

Episodio del 26 febbraio, si può procedere solo su querela di parte

Commissariato di VastoLe indagini della polizia si scontrano con la paura delle persone a raccontare e denunciare. Stanno cercando di venire a capo di una vicenda che risale ormai a tre settimane fa gli agenti del Commissariato di Vasto: la violenza che si è scatenata in pieno centro storico di sabato sera. "Non è stata una rissa, ma un'aggressione", precisa il commissario capo Fabio Capaldo, dirigente del Commissariato di via Bachelet.

Nella notte del 26 febbraio, in piazza Pudente sono rimaste ferite alcune persone, tra cui una ragazza. Un ferito è stato trasportato in ambulanza all'ospedale San Pio da Pietrelcina, altri sono stati medicati sul posto. Le prognosi sono tutte inferiori ai 20 giorni, soglia al di sotto della quale le forze dell'ordine possono procedere con l'indagine solo su querela di parte. "Attendiamo che, nei prossimi giorni, le vittime vengano in Commissariato a presentare la denuncia", spiega Capaldo.

I poliziotti della scientifica e dell'anticrimine hanno le immagini della videosorveglianza. Nel corso degli anni, le forze di pubblica sicurezza hanno lanciato numerosi appelli ai cittadini a collaborare e raccontare ciò che hanno visto per rendere più celeri ed efficaci le inchieste.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi