Operai bloccati dalla frana tornano a casa in ruspa - Situazione insostenibile tra Guilmi e Carpineto Sinello
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Guilmi   Cronaca 07/03/2017

Operai bloccati dalla frana
tornano a casa in ruspa

Situazione insostenibile tra Guilmi e Carpineto Sinello

L'autobus fermo e la ruspa"Una situazione da Terzo Mondo", così gli amministratori di Guilmi commentano quanto sta accadendo sulla Sp 150. Dopo circa 24 ore di pioggia la grande frana – la solita – ha ricominciato nuovamente la sua lenta discesa verso la strada che collega Carpineto Sinello e Guilmi

I primi disagi si sono avuti nel tardo pomeriggio quando il sindaco Carlo Racciatti ha raccontato a zonalocale.it come i mezzi dei due comuni non riuscissero a liberare le carreggiate da acqua e fango; numerosi i veicoli che hanno dovuto invertire la marcia. 
La situazione non è migliorata con il passare delle ore e ad avere la peggio sono stati i lavoratori di ritorno in autobus dal turno pomeridiano nelle aziende di San Salvo. Il mezzo è stato costretto a fermarsi per la grande quantità di detriti presenti in strada.

"Per farli tornare a casa – ci dice il vicesindaco Lucio Perrucci – il dipendente comunale di Guilmi è sceso con la ruspa e li ha riportati in paese. Non abbiamo parole". 
La frana sulla Sp 150 diventò famosa nel 2013 quando lasciò isolata Guilmi. In 4 anni, nonostante il tour del presidente Luciano D'Alfonso subito dopo il dissesto, la situazione è rimasta pressoché identica. 
Nel giugno 2016, la Regione ha stanziato 400mila euro per sistemare la frana, ma a quanto pare il cantiere – dopo gli ultimi rilevamenti – partirà solo ad aprile. Nel frattempo a ogni nuova pioggia si viaggia in ruspa.

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi