Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 06/03/2017

Sciopero contro la violenza
di genere, l’appello Cobas

Manifestazione nazionale, iniziative anche nel Vastese e in Frentania

Si terranno anche nel Vastese e nella Frentania le manifestazioni legate allo sciopero contro la violenza di genere, indetto in occasione della ricorrenza dell'8 Marzo.

Intanto, "in vista dello sciopero dell'8 marzo del Movimento globale Non una di meno contro la violenza sulle donne e di genere, al quale parteciperanno oltre 40 paesi al mondo, il movimento delle donne sta riscontrando una serie di anomalie sulle modalità di sciopero e lanciano l'appello a tutte le
lavoratrici e i lavoratori" che, in molti luoghi di lavoro pubblici e privati, avrebbero subito insistenti inviti a non partecipare alle iniziative, "anche in vista dello sciopero della scuola indetto per il 17 marzo 2017". Lo sostiene Domenico Ranieri, segretario provinciale della Confederazione Cobas di Chieti. 

"Le comunicazioni di sciopero generale nazionale, è consultabile sul sito della Commissione Garanzia Scioperi ed è inutile che le Direzioni di tutte le realtà lavorative e dirigenti del pubblico e privato facciano finta di non averlo ricevuto o non espongano le comunicazioni di indizione di sciopero nelle bacheche aziendali. Precisiamo che lo sciopero generale nazionale dell'8 marzo è stato indetto da Cobas-Confederazione dei Comitati di Base, altri sindacati di base e dalla Flc-Cgil su richiesta del movimento Non una di meno e che tutti possono partecipare, a prescindere dalle tessere sindacali. In molte città d'Abruzzo ci saranno cortei ed eventi organizzati dal movimento Non una di meno". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi