Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Chieti   Attualità 01/03/2017

No all’accoglienza migranti, i
sindaci manifestano a Roma

Rifiuteranno gli inviti del Prefetto "finché non si parlerà dei territori"

i sindaci durante la conferenza stampa di un mese faTornano a far sentire la loro voce e a dire no all’accoglienza dei migranti nei loro territori a quasi due mesi dall’emergenza neve e maltempo che ha segnato l’Abruzzo (QUI l’articolo). Sono i sindaci di Gamberale, Maurizio Bucci; Casalanguida, Luca Conti; San Salvo, Tiziana Magnacca; Paglieta, Nicola Scaricaciottoli; Orsogna, Fabrizio Montepara; Villalfonsina, Mimmo Budano; Perano, Gianni Bellisario; Borrello, Giovanni Di Nunzio; Montazzoli, Felice Novello.

“Saremo presenti a Roma, alla manifestazione con i sindaci del teramano di giovedì 2 marzo, - si legge in una nota dei sindaci - perché vogliamo far sentire e portare in piazza e nei palazzi della politica la voce dei nostri amministrati e le vere problematiche dei nostri territori. Il Governo non può continuare a convocarci attraverso il Prefetto per parlare di migranti e poi non farci sentire la sua vicinanza per i problemi che riguardano i nostri cittadini”.

Per questo annunciano di continuare a rifiutare gli inviti per parlare delle strutture per i migranti fino a quando non si discuterà anche, “prima e soprattutto dei nostri territori, che sono stati messi in ginocchio dalla calamità meteorologica dello scorso gennaio, - conclude la nota - e a cui il Governo non ha ancora dato alcuna risposta”.

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi