Rapina, il giorno prima il sopralluogo dei finti clienti - Colpo in gioielleria, proseguono le indagini della polizia
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


6 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 28/02/2017

Rapina, il giorno prima
il sopralluogo dei finti clienti

Colpo in gioielleria, proseguono le indagini della polizia

(Immagini fornite dalla polizia di Stato)Per il sopralluogo del giorno prima, hanno semplicemente finto di essere clienti indecisi. Interessati ai gioielli, ma avrebbero voluto pensarci, prima di comprare. Interessati lo erano davvero, ma ad arraffare la merce senza pagare. 

E allora, uno sguardo alle vetrine e un colloquio col personale della gioielleria. Tutto per capire chi si sarebbero ritrovati di fronte il giorno successivo e come muoversi in quel minuto e 12 secondi: 72 giri di lancette è durata la rapina del 18 febbraio ad Arte Orafa, la gioielleria di via Giulio Cesare, a due passi dal Commissariato di polizia di Vasto.

E sono stati proprio gli agenti dell'Anticrimine e della Scientifica, coordinati dagli ispettori Torzi e Littera, a scovare ed arrestare Salvatore La Penna, 20 anni, e Giuseppe Pensa, 23, entrambi di San Severo. 

Il personale del negozio già li conosceva di vista: il 17 erano entrati nella gioielleria. Per questo, quando la commessa ha visto uno dei due davanti all'ingresso, ha aperto la porta. Poi le telecamere hanno registrato tutto l'accaduto. E' dai fotogrammi dei filmati che sono iniziate le indagini degli agenti del commissario capo Fabio Capaldo: dopo l'identificazione, "è scattata una caccia all'uomo", ha spiegato il dirigente del Commissariato di via Bachelet, "con gli agenti impegnati senza sosta per 72 ore, fino a quando non hanno ritrovato e arrestato i due giovani, ospiti di altre persone". 

Ed è proprio su queste ultime che ora si concentrano le indagini per capire se ci sono complici. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi