Rissa: ferita anche una ragazza, polizia esamina i video - Violento litigio di sabato in piazza Pudente, ci sarebbe un secondo episodio
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 27/02/2017

Rissa: ferita anche una ragazza,
polizia esamina i video

Violento litigio di sabato in piazza Pudente, ci sarebbe un secondo episodio

Vasto. Polizia in piazza PudenteIniziano dai video le indagini della polizia sulla rissa che ha funestato il sabato sera nel centro di Vasto (leggi la notizia). Una persona è finita in ospedale, le sue condizioni non sono gravi. Altri feriti sono stati medicati sul posto, in piazza Pudente, il luogo in cui si è scatenata la violenza. Tra le vittime c'è anche una ragazza. Lo riferiscono testimoni.

Il motivo del litigio è una delle domande a cui cercano risposte gli agenti del commissario capo Fabio Capaldo. Non l'unica. Il principale obiettivo degli investigatori è identificare i responsabili. Per questo, gli agenti della Scientifica e dell'Anticrimine hanno acquisito le immagini della videosorveglianza pubblica e privata della zona. Da queste, estrapoleranno video e fotogrammi che consentano di ricostruire la dinamica di ciò che è accaduto attorno all'1.30-1.40 della notte tra sabato e domenica. 

Ma non sarebbe l'unico episodio. Secondo quanto raccontano a Zonalocale.it alcune persone che hanno trascorso la nottata di sabato in centro, un secondo, violento litigio sarebbe scoppiato più tardi, a poche decine di metri di distanza, sulla loggia Amblingh, la balconata panoramica del borgo antico. Segnalazioni su cui saranno gli inquirenti a fare chiarezza.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi