Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 27/02/2017

Interruzioni di gravidanza al San
Pio, Matrullo:"Servizio garantito"

Nel 2016 200 aborti all’ospedale di Vasto

Immagine di repertorio"Nella nostra unità operativa l'interruzione di gravidanza viene garantita e il diritto delle donne pienamente rispettato". Lo sottolinea Francesco Matrullo, direttore dell'Ostetricia e Ginecologia dell'Ospedale di Vasto, relativamente alla questione dei ginecologi obiettori di coscienza.

"Da gennaio 2016 abbiamo un medico obiettore nel nostro reparto - spiega Matrullo - e sono state circa 200 le interruzioni praticate lo scorso anno. Ma anche in precedenza il servizio è stato sempre puntualmente garantito, ed è questo l'unico dato che può interessare l'utenza. La modalità con cui viene assicurata la prestazione attiene a scelte organizzative che competono esclusivamente all'Azienda, che ha facoltà di impiegare le varie figure professionali secondo le esigenze dei diversi presidi e la domanda di prestazioni da soddisfare. Abbiamo il preciso dovere di assicurare un servizio, non certo quello di spiegare l'allocazione delle risorse umane. Mettiamo al centro della nostra azione la donna, sempre".

Intanto da Lanciano è arrivata di recente la proposta alla Direzione Aziendale di accentrare il servizio di interruzione volontaria di gravidanza (Ivg) in un’unica sede: "Si tratta - spiega il direttore dell’Ostetricia e ginecologia del Renzetti, Antonio Di Francesco - di una questione che non attiene solo ai ginecologi, ma coinvolge anestesisti, ostetriche, personale di sala. La Direzione sanitaria aziendale ha già avviato una ricognizione del personale non obiettore che potrebbe garantire il servizio in maniera organizzata. Un’ulteriore garanzia di professionalità per le donne".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi