A lezione di verbali per abbandono di rifiuti sulle sponde del Trigno - Ieri il corso dell’Arci Pesca
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

A lezione di verbali per abbandono
di rifiuti sulle sponde del Trigno

Ieri il corso dell’Arci Pesca

Ieri pomeriggio, 17 febbraio, lungo le sponde del fiume Trigno tra i territori dei Comuni di San Salvo e Montenero di Bisaccia, l'Arci Pesca ha tenuto una lezione pratica sul tema dell'abbandono di rifiuti, ai sensi del D.Lgs n.152/2006 e 205/2010.

La lezione in ambiente aperto si è svolta in una location non casuale, le sponde del basso corso del fiume Trigno. Questa, infatti, è purtroppo una zona particolarmente colpita dagli incivili che vi depositano ogni sorta di rifiuto. Nonostante tutto, c'è ancora chi ne evidenzia il potenziale dal punto di vista naturalistico, come l'assessore all'Ambiente di Montenero di Bisaccia che recentemente ha proposto l'istituzione della riserva naturale "Foce del Trigno" [LEGGI] trovando il parere favorevole di consiglio comunale e Regione Molise [LEGGI].

"La lezione – spiega il presidente dell'Arci Pesca, Giuseppe Zappetti – si è svolta con esercitazione nel redigere verbali per rinvenimento rifiuti a carico di ignoti. Era presente anche l'assessore all'Ambiente Simona Contucci, che ha portato i ringraziamenti del Comune di Montenero di Bisaccia quale promotore del progetto Parco fluviale sul fiume Trigno. Un ringraziamento va al docente del corso dott. Vincenzo Ronzitti per l'attenzione e interesse che ha trasmesso agli agenti in questi ultimi mesi di corso".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi