Bella, ma coi piedi d’argilla: la balconata orientale cede - Dopo il maltempo nuove crepe in via Adriatica
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 15/02/2017

Bella, ma coi piedi d’argilla:
la balconata orientale cede

Dopo il maltempo nuove crepe in via Adriatica

Bella e friabile. Apparentemente immutabile, ma coi piedi d'argilla. Un'altra fenditura evidente, non l'unica.

E' il segno che una parte della balconata orientale di Vasto si sta distaccando. Neve e piogge torrenziali di inizio anno hanno inzuppato il terreno sottostante, che comincia a cedere: sulla loggia Amblingh, dove preoccupano gli avvallamenti visibili a occhio nudo e al calpestio lungo la passeggiata a destra e a sinistra dell'edicola votiva della Madonna della Catena. E in via Adriatica, nel tratto più vecchio e instabile. Nel 2008, quando fu inaugurata la parte rimessa a nuovo, la promessa fu quella di rifarla tutta, non appena il Comune avesse trovato i soldi.

Dopo nove anni e la chiusura della pericolante scalinata che scende verso i campi sportivi del Parco delle Lame, tutto è fermo. Anzi, si muove pericolosamente verso il basso. In una linea, quella del frastagliato terrazzo naturale della città antica, già modificata dalle frane. Non solo quella storica e devastante del 1956, che si portò a valle la precedente balconata, una fila di case, la chiesa di San Pietro (di cui rimane solo il portale) e l'ufficio postale di allora. Ma anche quelle recentissime: una in via Tre Segni agli inizi di dicembre del 2013, l'altra lungo il muraglione di contenimento dei Giardini di Palazzo d'Avalos il 24 gennaio 2015.

La questione è arrivata nell'aula del Consiglio comunale nell'ultima seduta, quella del 30 gennaio, in cui si è discussa l'interpellanza presentata da Alessandra Cappa (Unione per Vasto), alla quale il sindaco, Francesco Menna, ha risposto che sono state compilate e inviate alla Regione per chiedere i finanziamenti le schede tecniche di 7 zone da consolidare, tra cui via San Biagio e località San Nicola. Riguardo alla loggia Amblingh, "la Regione ci ha assicurato che l'iter è positivo e il sito è prioritario". "La prossima volta - ha replicato Cappa - sarà il caso di fare annunci alla stampa solo quando il finanziamento è nelle casse del Comune".

Ma, al di là della polemica politica, l'impressione è che i tempi stringano e si debba tamponare il prima possibile il lento, ma inesorabile, scivolamento del costone. Lo chiedono residenti e commercianti. Una donna ("ma non fate il mio nome") indica la sua casa sulla loggia Amblingh e dice: "Dentro ho delle crepe, sono preoccupata". Si avvicina un esercente: "Quando è piovuto, qui scendeva un torrente d'acqua. Faceva paura. Le fogne che dovebbero raccogliere la pioggia sono ancora quelle antiche, ridotte a un colabrodo. L'acqua si disperde, penetra nel terreno su cui poggia la balconata e crea il vuoto. Sono anni che segnaliamo il problema".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi