Assolto professionista vastese: non ci fu abuso su disabile - Accusa di violenza sessuale, Corte d’Appello conferma sentenza di primo grado
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 13/02/2017

Assolto professionista vastese:
non ci fu abuso su disabile

Accusa di violenza sessuale, Corte d’Appello conferma sentenza di primo grado

Ora l'assoluzione è definitiva. La Corte d'Appello dell'Aquila scagiona G.N., un professionista vastese arrestato nel 2013 con l'accusa di violenza sessuale continuata e aggravata nei confronti di una ragazza maggiorenne affetta da disabilità mentale.

"Come si ricorderà - raccontano gli avvocati difensori, Rosario Di Giacomo di Vasto e Marco Sciascio di Bologna - nell'ottobre di quell'anno il professionista vastese fu attinto da un'ordinanza di custodia cautelare che ebbe forte risalto mediatico alla luce della conferenza stampa tenuta presso il locale Commissariato, destando molto scalpore in città. Dopo la scarcerazione lampo, ottenuta all'esito dell'interrogatorio di garanzia, l'imputato fu tratto a giudizio con rito immediato. Ciò nonostante, all'esito di un dibattimento molto complesso, riuscì a provare la sua piena innocenza, anche grazie al supporto di illustri consulenti di parte, gli psichiatri Renato Ariatti e Sergio Isacco".

Nel gennaio del 2016, il Tribunale collegiale di Vasto, presieduto da Bruno Giangiacomo, aveva assolto l'imputato. La Procura aveva presentato appello. Oggi, al termine del processo di secondo grado, la sentenza: la Corte d'Appello dell'Aquila, presieduta da Aldo Manfredi, ha emesso un verdetto analogo a quello di primo grado. L'assoluzione ora diventa definitiva.

Di Giacomo e Sciascio sottolineano che i giudici del capoluogo hanno riconosciuto "la sua totale estraneità ai fatti contestati. L'epilogo restituisce definitivamente la piena onorabilità ad una persona innocente, che per diversi anni ha dovuto sopportare il peso di un'accusa indubbiamente grave e che ha continuato ad avere fiducia nella giustizia nonostante l'ingiusta detenzione patita".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi