Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Fraine   Cronaca 08/02/2017

La "strada della valle" frana,
scuola e sanità un miraggio

A Fraine rischia di sparire anche l’ultimo collegamento con Castiglione

Il tratto in movimentoLa Regione promette di accelerare i tempi per i progetti in attesa da troppo tempo, ma il dissesto non aspetta. Gli abitanti di Fraine rischiano da un momento all'altro di non poter più raggiungere Castiglione Messer Marino dove alcuni bambini frequentano le scuole (asilo, elementari e medie) e dove ha sede il distretto sanitario

La cosiddetta "strada della valle", una interpoderale asfaltata nel marzo 2015 dopo il crollo della Sp 162, dallo scorso fine settimana ha iniziato a mostrare segni di cedimento [LEGGI]. La situazione era stata tamponata con della ghiaia, ma questa ha finito di appesantire la carreggiata che continua a scendere a valle. Per ora la strada, in quel tratto, è ancora percorribile a senso unico alternato, ma c'è il timore che si interrompa anche l'ultimo collegamento esistente con Castiglione: le crepe danno un'idea.

Il tratto è del Comune di Fraine, difficile per l'ente (tra l'altro attualmente commissariato) reperire i fondi necessari per un intervento importante e, soprattutto, in tempi brevi. Una volta ci sarebbe stata la Sp 162. Il progetto redatto dal Comune di Castiglione – che aveva avuto il via libera da parte del Genio civile – è stato stoppato in favore di quello della Provincia sul quale però sono state rilevate diverse criticità [LEGGI]. Una situazione di stallo paradossale che sta mandandando al collasso l'intero Alto Vastese.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi