Con le strade ko, anche avere un malanno diventa un lusso - Tempi di percorrenza triplicati. Timori per eventuali codici rossi
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Torrebruna   Attualità 06/02/2017

Con le strade ko, anche avere un
malanno diventa un lusso

Tempi di percorrenza triplicati. Timori per eventuali codici rossi

L'ambulanza di Torrebruna"Benvenuti nell'Alto Vastese, dove anche accusare un malore rischia di essere un lusso", potrebbe essere l'ipotetico cartello da apporre all'ingresso dei comuni più "in alto" del territorio. Assenza di medici e strade chiuse dal dissesto idrogeologico mettono a serio rischio il diritto alla salute dei cittadini. 

C'è una partita a scacchi in corso, è quella tra residenti e frane: quasi ogni giorno i tempi di percorrenza tra i vari centri abitati si allungano a causa del dissesto. Parte così la ricerca di alternative con operatori sanitari e volontari che percorrono strade ai limiti della praticabilità pur di portare assistenza a chi ne ha bisogno.

La frana sulla Sp 212L'ultimo caso risale a sabato mattina. L'ambulanza della protezione civile "Valtrigno" presente a Torrebruna – attualmente ancora senza medico a bordo – è intervenuta a Carunchio per un codice rosso. Nel giro di pochi minuti, il 118 ha ricevuto una chiamata dalla stessa Torrebruna per una rottura di femore. È partita quindi l'ambulanza da Castiglione Messer Marino che però si è imbattuta nella frana sulla Sp 212 che proprio in quel momento stava venendo giù [LEGGI].

"Sul posto – racconta a zonalocale.it il sindaco di Torrebruna Cristina Lella – c'eravamo io e i carabinieri di Celenza sul Trigno. Abbiamo dovuto rimandare indietro l'ambulanza che è stata costretta a scendere sulla Trignina e risalire per il paese con ben altri tempi, per fortuna non era una situazione estremamente grave. Cosa sarebbe accaduto se fosse stato un altro codice rosso?".
La situazione si complica quando nevica.

Mentre si sta mettendo in moto la lentissima macchina burocratica che dovrà destinare fondi per l'ultimo grave movimento franoso, i cittadini sono pregati di non accusare malanni o, perlomeno, di non "generare" due codici rossi contemporaneamente.

Guarda il video

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi