La storia a lieto fine di Frida: ritrovata dopo 2 mesi a Tufillo - Il proprietario di Castelfidardo l’aveva smarrita in provincia di Campobasso
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Tufillo   Curiosità 19/01/2017

La storia a lieto fine di Frida:
ritrovata dopo 2 mesi a Tufillo

Il proprietario di Castelfidardo l’aveva smarrita in provincia di Campobasso

FridaTra gli infiniti disagi che la neve e il maltempo stanno causando in tutto il territorio spunta una storia a lieto fine. Arriva da Tufillo, dove ieri mattina un cane vagava nel freddo e nella neve accumulatasi in questi giorni. Infreddolito e spaventato, è stato "adottato" dal bar e dalla farmacia del paese che lo hanno scaldato e rifocillato.

Nel frattempo, il vigile urbano del Comune si è messo sulle tracce dei proprietari. Esaminando i dati presenti nel microchip, ha scoperto che si trattava di Frida, cane di razza epagneul breton, di 9 anni, e appartenente a un cittadino di Castelfidardo. Grazie al vigile che ha contattato l'anagrafe canina della Regione Marche (a Macerata), si è così risaliti al numero del cellulare del proprietario. 
Contattato telefonicamente, si è scoperto che il cane si era perso due mesi fa a Sant'Elia a Pianisi, centro della provincia di Campobasso; da allora lo cercavano disperatamente. Frida molto probabilmente ha vagato per quegli 80 km che separano il paesino molisano da Tufillo alla ricerca del proprio padrone.

Il proprietario è partito così questa mattina insieme alla moglie alla volta di Tufillo dove ha finalmente potuto riabbracciare Frida. Non è mancato qualche momento di commozione al momento dell'incontro. "Erano entrambi commossi – racconta il sindaco Ernano Marcovecchio a zonalocale.it – Quando l'hanno rivista il proprietario, molto commosso, le ha detto: Frida è vero che non ci lasci più? Abbiamo pianto molto".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi