Il navigatore li manda in una frazione di Schiavi: bloccati - La disavventura di una coppia che doveva raggiungere un ristorante
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


9 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Il navigatore li manda in una
frazione di Schiavi: bloccati

La disavventura di una coppia che doveva raggiungere un ristorante

Immagine di repertorioSpesso per seguire i navigatori gli automobilisti si ritrovano lungo strade secondarie o sentieri nel bel mezzo del nulla, con la netta sensazione di essersi persi. Se questo accade in piena emergenza neve, però, la disavventura può risultare più problematica del previsto. È quanto accaduto nei giorni scorsi a una coppia di Velletri che, come racconta L'eco dell'Alto Molise, voleva raggiungere Il rifugio del cinghiale, sulla montagna di Castiglione Messer Marino, e invece si è ritrovata nel bel mezzo di una bufera, bloccata in una frazione di Schiavi d'Abruzzo.

"I due ragazzi - racconta Francesco Bottone nel suo articolo - si perdono, letteralmente (in frazione Valli, ndr) e chiedono aiuto ai carabinieri. Una pattuglia dell'Arma al comando del maresciallo Daniele Lucentini li raggiunge, non senza fatica per via della neve che intanto sta cadendo copiosa, e li trae in salvo, portandoli in un bed and breakfast a Castiglione Messer Marino".

Niente da fare però, per l'auto della coppia che, rimasta sepolta dalla neve in frazione Valli, a distanza di qualche giorno non ne ha voluto sapere di ripartire. Dalle notizie che arriveranno da un meccanico locale, i due sapranno di quanto si dovrà allungare la vacanza "forzata".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi