Cupello   Attualità 12/01/2017

"Puzza insopportabile"dalla Stogit
allarma i cittadini di Montalfano

Disagio accentuatosi negli ultimi giorni, il sindaco: "Presto controlli dell’Arta"

Una parte dell'impianto Stogit"Una puzza insopportabile, tanto da provocare conati di vomito", così gli abitanti di Montalfano descrivono la situazione nella contrada negli ultimi giorni e, in particolar modo, di questa mattina. Il cattivo odore proveniente dagli impianti di stoccaggio metano della Stogit (gruppo Snam) sarebbe lo stesso che nel novembre 2013 portò a una clamorosa protesta davanti ai cancelli del sito [LEGGI] e che, successivamente, fu imputato al glicol, sostanza usata per il "lavaggio" del metano. 

Questa mattina i residenti si sono rivolti all'amministrazione comunale cupellese. Il vicesindaco Fernando Travaglini, anch'egli residente della contrada, ha così avvisato la polizia locale per un sopralluogo. 
Questo è solo il primo passo. Manuele Marcovecchio, primo cittadino di Cupello, spiega a zonalocale.it: "Il livello di guardia è alto. L'azienda dice che è una circostanza dovuta alla maggiore richiesta di metano di questo periodo, ma noi vogliamo vederci chiaro. Per questo motivo, a breve ci saranno i controlli degli enti competenti come Arta e Asl".

L'ASSOCIAZIONE - Nel frattempo è in dirittura di arrivo l'iter burocratico per la costituzione dell'associazione "difendiAMO MONTALFANO", presieduta da Franco Scutti e annunciata dopo la vittoria della battaglia contro la realizzazione di una centrale a biometano [LEGGI]: l'obiettivo è tenere alta l'attenzione sugli impianti presenti in zona.

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


    Chiudi
    Chiudi