Due auto contro branco di cinghiali a Pollutri - Impatti avvenuti sulla Sp 154
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Pollutri   Cronaca 05/12/2016

Due auto contro branco di
cinghiali a Pollutri

Impatti avvenuti sulla Sp 154

Una delle due auto coinvolteLa lista degli incidenti provocati dai cinghiali si allunga inesorabilmente. Nel tardo pomeriggio di ieri, poco prima delle 19, sono stati ben due gli impatti con gli ungulati uno a breve distanza di qualche minuto dall'altro. Entrambi gli incidenti sono avvenuti sulla Sp 154 che collega l'uscita dell'A14 Vasto Nord alla Val Sinello, in territorio di Pollutri.
Due le auto coinvolte (due Fiat Punto) negli incidenti avvenuti in un raggio di qualche centinaio di metri; l'accaduto fa pensare che in quel momento la strada fosse attraversata da un nutrito gruppo di cinghiali.

Su una delle due auto viaggiavano anche bambini, terrorizzati dopo l'impatto con l'animale come raccontato a zonalocale.it da una delle persone rimaste coinvolte. Sul posto per i rilievi di sorta e per gestire il traffico sono intervenuti i vigili urbani di Pollutri. 
La gestione dei cinghiali resta una chimera con responsabilità che rimpallano da un ufficio all'altro mentre, nel frattempo, gli al calar del sole percorrere le strade che costeggiano campi e boschi è un vero e proprio azzardo. Sabato scorso a Bomba, intanto, si è costituita l'associazione Avas - Vittime di animali selvatici nata in memoria della 38enne Daniela Martorella, deceduta in un incidente sulla Val di Sangro dopo aver cercato di schivare un cinghiale in mezzo alla strada.

Guarda le foto

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi