Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


11 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

"Altro che variante": i ponti
dell’entroterra ridotti all’osso

Le strutture viarie di attraversamento senza interventi di manutenzione da anni

Il ponte tra Carpineto e CasalanguidaMentre l'attenzione è tutta per la discussione sulla variante alla Statale 16, la viabilità interna è gravata non solo da buche e mulattiere, ma anche da ponti dimenticati che oggi necessiterebbero di manutenzione. 
"Ne è passata di acqua sotto i ponti" si direbbe. Negli ultimi anni eventi atmosferici sempre più violenti e improvvisi hanno dato vita a piene disastrose; le strutture hanno retto, ma iniziano a mostrare inequivocabili segni di logorio. In qualche modo si è intervenuti dove l'acqua ha distrutto, mentre è arduo imbattersi in lavori di prevenzione e manutenzione.

La stessa Provincia di Chieti di recente ha lanciato l'allarme sul ponte di Carunchio sul fiume Treste [LEGGI]; qui l'acqua sta scavando sotto i piloni e il vicepresidente Antonio Tamburrino si è detto molto preoccupato. 
Non va meglio sull'altro versante, quello del Sinello. Qui il ponte della Sp 138 tra Carpineto Sinello e Casalanguida sta perdendo il rivestimento in mattoni della campata laterale lasciando scoperta la struttura.

Il ponte della Sp 150Desta preoccupazione anche il ponte della Guilmi - Colledimezzo (Sp 150) attraversato oggi per raggiungere la Val di Sangro e sul quale gli amministratori guilmesi da tempo cercano di accendere i riflettori. Qui nel marzo 2015 si sfiorò la tragedia proprio per evitare l'opera di erosione di uno dei piloni. Una ruspa in azione fu sommersa dalla piena mentre – incaricata dal Comune – stava cercando di deviare il corso d'acqua; l'operaio riuscì a mettersi in salvo non senza problemi.

"La speranza – dicono gli amministratori locali – è che qualcuno si accorga dell'abbandono di questo territorio". La situazione riguarda le strutture principali, nell'elenco non ci sono gli attraversamenti minori come quello tra Fresagrandinaria e San Buono (definitivamente spazzato via dal Treste) e tra Guilmi e Montazzoli (chiuso a ogni pioggia d'intensità maggiore).

Guilmi e Carpineto Sinello, più di altri, sono circondati da frane e crolli, un'eventuale inagibilità dei ponti li isolerebbe totalmente; per questo l'illusione è un intervento preventivo prima che il danno sia irreparabile. 

Guarda le foto

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi