Aumenti e rifiuti da lontano, sindaci pronti a occupare Civeta - I comuni fondatori: ’Si restituisca la governance al territorio’
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Salvo   Attualità 30/11/2016

Aumenti e rifiuti da lontano,
sindaci pronti a occupare Civeta

I comuni fondatori: ’Si restituisca la governance al territorio’

Budano, Magnacca, Marcovecchio e Di GiacomoLa festa del giorno dell'inaugurazione della terza vasca del Civeta è lontana [LEGGI]; a settembre si stappò anche lo spumante, oggi l'aria che tira è ben diversa. I sindaci dei comuni fondatori del consorzio intercomunale che gestisce i rifiuti nel Vastese sono pronti a occupare l'impianto se presto non sarà ripristinata la rappresentanza degli organi consortili. I primi cittadini sono sul piede di guerra per una serie di questioni, prima fra tutte il nuovo aumento delle tariffe che rischia di essere una bella "legnata" per cittadini e bilanci comunali.

LA "LEGNATA" INGIUSTIFICATA - Ad annunciare l'insostenibilità della situazione è stata Tiziana Magnacca che stamattina insieme a Mimmo Budano (Villalfonsina), Manuele Marcovecchio (Cupello), Saverio Di Giacomo (Monteodorisio) e Filippo Marinucci (Casalbordino) ha elencato le criticità del consorzio. Su tutte c'è il mancato coinvolgimento dei proprietari del Civeta, cioè i sindaci fondatori (oltre a quelli elencati, ci sono anche Vasto, Scerni e Pollutri). 
L'ultimo provvedimento del commissario Franco Gerardini è l'aumento delle tariffe, "Siamo molto preoccupati, gli aumenti non sono più tollerabili. A San Salvo l'anno scorso c'è stato un mancato gettito di 600mila euro, segno che le famiglie sono in difficoltà. Il rischio è che il mancato incasso raddoppi e sarà un cane che si morde la coda: se entreranno meno soldi, il Comune avrà difficoltà a pagare lo stesso Civeta".
Parla di "20-25% di aumento ingiustificato" Budano: "La Regione deve fare chiarezza. D'Alfonso aveva promesso di ristabilire gli organi consortili e così non è stato. Noi sindaci non sappiamo neanche chi porta i rifiuti qui".
Manuele MarcovecchioSono peggiori le stime del primo cittadino cupellese: "Gli aumenti su Cupello sono del 25-30%. È una legnata che arriva sui bilanci comunali. È difficile far quadrare i conti così. Chiediamo per questo la restituzione della governance e degli organi di gestione e controllo ai sindaci che sono proprietari del consorzio. Attendiamo risposte dalla Regione, ma siamo pronti a manifestare dentro il Civeta che in fondo è già casa nostra".

RIFIUTI DA LONTANO - All'orizzonte però pare ci sia anche una collaborazione/fusione non meglio specificata con la Ecolan di Lanciano. "Ci sono delibere che lo lasciano intendere – ha detto la Magnacca – La Ecolan viene già qui a conferire e non ne sappiamo nulla. Quanti più rifiuti si conferiscono, tanto meno durerà la terza vasca".
Lo stesso allarme lo lancia anche Di Giacomo: "Siamo tagliati fuori da ogni discussione, non abbiamo garanzie sulla provenienza dei rifiuti. Oggi il Civeta riceve rifiuti da un territorio molto più ampio di quello previsto con la fondazione. È ovvio che per il gestore (la Cupello Ambiente, nda) prima si riempie la vasca e meglio è, ma di questo passo possiamo trovarci di tutto". 
Quello dell'estensione del raggio d'azione del Civeta non è una novità, anzi. Il presidente della Regione Luciano D'Alfonso aveva salutato positivamente l'apertura della terza vasca e l'apertura al territorio regionale aggiungendo: "Sono certo che non ci saranno napoletanate, questo è un sistema che funzione".

Filippo MarinucciGRANA PERSONALE - Terzo punto critico è quello del personale. Con il subentro della Cupello Ambiente il personale del Civeta sarebbe dovuto passare alla società di Rocco Bonassisa e della Riccoboni spa. I dipendenti dell'ente, però, non vedrebbero di buon occhio il passaggio temendo una perdita di garanzie. Nel frattempo i gestori dell'impianto ne hanno dovuto assumere altri per portare avanti le vasche facendo lievitare i costi del personale.

Guarda le foto

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi