Time Out - Quale ripresa per il Vastese CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Casalbordino   Cronaca 16/10/2016

"Mai visto nulla di simile", dopo
la grandine si contano i danni

A Casalbordino e Villalfonsina il bilancio è pesantissimo

La grandine caduta ieri Decine di macchine danneggiate, ettari di terreno distrutti, danni ad abitazioni e strutture ricettive e tante persone rimaste ferite. È questo il bilancio dell’improvvisa e violenta grandinata che ieri mattina ha colpito in particolar modo i Comuni di Casalbordino e Villalfonsina [LEGGI]. Chicchi enormi, grandi come palline da tennis, che hanno causato danni non ancora quantificati ma stimati in diverse migliaia di euro. Basti pensare a tutte le autovetture i cui vetri sono andati in frantumi e quelle che presentano decine di ammaccature. La perturbazione che ha portato con sè la grandine è arrivata dall’entroterra e ha rovesciato la sua violenza in una fascia compresa tra Casalbordino e Villalfonsina, partendo dalle contrade Vidorni e Verdugia, Santo Stefano e poi scendere fin verso il mare.

Casalbordino - Donna e due figli feriti [LEGGI]

Pesanti danni a vigne e ulivetiLa situazione a Villalfonsina. “È stato davvero un qualcosa di impressionante - racconta il sindaco Mimmo Budano -. Al momento non abbiamo dati precisi ma credo che almeno 20 autovetture abbiano avuto i vetri rotti e in totale una cinquantina sono state pesantemente danneggiate. Ma i danni più gravi li hanno subiti i nostri agricoltori. C’è chi doveva ancora terminare la vendemmia e ora ha tutta l’uva a terra. Stessa situazione per gli uliveti. È un danno gravissimo perchè a Villalfonsina ci sono diverse famiglie che vivono esclusivamente con l’agricoltura”. Per questo il primo cittadino si è da subito attivato per “la richiesta dello stato di calamità naturale e per quello di emergenza. Sono due procedure differenti che vogliamo percorrere perchè quanto accaduto ha dello straordinario e i nostri cittadini devono essere aiutati. Lunedì, insieme ai sindaci dell’Unione dei Miracoli, c’è un incontro già pianificato da tempo con il sottosegretario Mazzocca. Sarà l’occasione per chiedergli di interessarsi alla nostra situazione”.

I danni della grandinata al LidoLa situazione a Casalbordino. “Ero in Municipio quando si è scatenata la grandinata - racconta il sindaco Filippo Marinucci -. Di Casalbordino è stata interessata solo una fascia, al confine con Villalfonsina e fino al mare. Ho raccolto le segnalazioni dei cittadini e mi sono attivato per avviare le procedure del caso. Purtroppo per tanti la situazione è drammatica, parlando con alcuni produttori di olio mi hanno riferito come il raccolto sia stato pesantemente danneggiato. E poi ci sono state tante persone ferite alla testa perchè erano in strada o stavano lavorando nei campi quando è arrivata l’improvvisa grandinata”. Un evento meteorologico di tale violenza non si ricordava a memoria d’uomo. “Ho parlato con alcuni anziani del paese che mi hanno raccontato di non aver mai assistito a nulla di simile”. I danni a Casalbordino sono arrivati fin sulla costa. In una struttura alberghiera sono ben evidenti le conseguenze della grandinata, con tavoli e sedie di plastica “bucati”, lucernai andati in frantumi così come i vetri delle autovetture. 

Decine di auto sono rimaste danneggiateLe procedure. I sindaci di Villalfonsina e Casalbordino hanno dato indicazioni su come procedere. “Non sappiamo se ci sarà il riconoscimento dello stato di calamità naturale e di emergenza. Intanto invitiamo chi ha subito danni a presentare la documentazione presso l’ufficio protocollo, descrivendo i danni e corredando con foto”, spiegano Budano e Marinucci. 

Gli aggiornamenti sulle pagine facebook dei Comuni - Casalbordino [CLICCA QUI] - Villalfonsina [CLICCA QUI]

Guarda le foto

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi