"Io non rischio", a Furci protezione civile in piazza - I volontari incontrano i cittadini per parlare di rischio sismico
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Furci   Attualità 16/10/2016

"Io non rischio", a Furci
protezione civile in piazza

I volontari incontrano i cittadini per parlare di rischio sismico

La protezione civile di FurciPer due giorni volontari in piazza a Furci per diffondere le buone pratiche di protezione civile. Il gruppo comunale di Furci è stato presente ieri e lo sarà anche oggi in piazza Beato Angelo prendendo così parte alle giornate nazionali “Io non rischio”. Per il sesto anno migliaia di volontari in tutta Italia incontreranno i cittadini per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare le popolazioni sul rischio sismico, sul rischio alluvioni e sui maremoti.

“In un Paese esposto a molti rischi naturali - spiega Mario Mazzocca, responsabile della protezione civile in Abruzzo - assumono fondamentale importanza la conoscenza del problema, la consapevolezza delle possibili conseguenze, l’adozione di buona pratiche e di alcuni semplici accorgimenti per poter dire, appunto io non rischio”. A San Salvo, uno dei 41 comuni abruzzesi che partecipa all’iniziativa, è il gruppo Fir Cb San Vitale ad incontrare i cittadini. 

La campagna “Io non rischio” è nata nel 2011, promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas, Ingv e Reluis, la rete dei laboratori universitari di ingegneria sismica.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi