Timeout - Vasto, il confronto tra candidati sindaci Ospiti: Dina Nirvana Carinci, Anna Rita Carugno, Guido Giangiacomo, Francesco Menna, Alessandra Notaro, Angela Pennetta Paola Cerella - Giornalista CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


17 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 22/09/2016

Operazione delle Fiamme gialle
molisane, arrestato 38enne vastese

L’uomo già coinvolto nell’operazione Isola Felice

La conferenza stampaEra stato arrestato nell'ambito dell'operazione Isola Felice (qui il servizio), Giuseppe Di Donato, il 38enne vastese finito nuovamente sotto la lente delle forze dell'ordine a seguito delle operazioni "Hora Arbereshe" e "Carola" condotte dal G.O.A. (Gruppo Operativo Antidroga) del Nucleo Polizia Tributaria di Campobasso, con il coordinamento del dottor Ludovico Vaccaro, della Procura di Larino.

"Nel corso dell’operazione - hanno spiegato le Fiamme gialle molisane - sono state notificate 11 informazioni di garanzia nei confronti di altrettanti indagati per il reato ex art.73 DPR 309/90 nonché eseguite, contestualmente nelle regioni Molise, Puglia ed Abruzzo, 20 perquisizioni che hanno consentito il rinvenimento e, quindi, il sequestro, di circa 200 grammi di stupefacenti (cocaina, hashish e marijuana), 2 bilancini di precisione e 3 trita marijuana - utilizzati per la preparazione delle dosi da spacciare, semi di canapa indiana, nonché 19 stecche di sigarette di contrabbando ed una pistola giocattolo priva del tappo rosso di sicurezza". 

"L’operazione di servizio, denominata "Hora Arbereshe" (Parla Albanese) giunge così a conclusione dopo due anni di indagini serrate: le attività sono iniziate nell’anno 2014 a seguito di attento monitoraggio di alcuni cittadini albanesi residenti a San Martino in Pensilis (CB) e strettamente collegati ad altri soggetti, sia italiani che stranieri, dimoranti in basso Molise. Articolate attività tecniche, supportate da pedinamenti, appostamenti e riscontri condotti anche fuori dal territorio molisano, hanno consentito, nel tempo, lo stretto monitoraggio di circa 20 persone, tutte collegate fra loro, nell’ambito di un business illecito finalizzato a rifornire di stupefacenti la piazza basso molisana. Gli interventi permettevano di ricostruire e completare il mosaico criminoso: all’esito di distinte ed articolate operazioni, 3 persone cadevano nella rete dei Finanzieri e circa 5 Kg. di stupefacente (hashish, marijuana e cocaina) venivano posti sotto sequestro dal G.I.C.O. di Campobasso. Tra i “registi” del traffico illecito di stupefacenti, merita menzione un cittadino italiano, residente a Termoli, già gravato da specifici e rilevanti precedenti per fatti di droga, il quale diramava ordini ai sodali, mentre era agli arresti domiciliari. Sullo stesso, infatti, pendevano precise responsabilità penali derivanti da altro articolato servizio investigativo (quasi concomitante) condotto dal Nucleo di Campobasso a decorrere dall’anno 2012: l’operazione “Carola”, dal nome del natante di medie dimensioni con il quale il citato soggetto aveva avviato un personale “salto di qualità” affaristico, tentando un trasporto di circa 2 tonnellate di hashish (anno 2012) dall’Albania alle coste molisane. Nell’occasione, il pregiudicato in argomento, M.A., fu costretto a disfarsi del carico in mare aperto, ma non sfuggì alle investigazioni tempestivamente avviate dal Corpo. Le successive indagini, infatti, condotte nelle regioni Molise, Puglia e Lombardia, hanno consentito, nel periodo 2012-2013 di trarre in arresto lo stesso soggetto ed altri 7 sodali, pervenendo ai seguenti risultati complessivi: sequestro di 15 Kg. di hashish, 200 grammi di cocaina, 11 proiettili per arma da fuoco ed un’autovettura. Le attività, nel tempo hanno tra l’altro permesso di stroncare tecniche e modus operandi adottate dai sodali, quali il trasporto dello stupefacente all’interno delle ruote di scorta degli automezzi. La capillare attività investigativa condotta nelle due distinte operazioni, ha permesso di sbarrare il passo alla costituzione di una temibile consorteria criminale che avrebbe radicato i propri tentacoli nell’intera area basso molisana".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi