Vince il buon senso, l’anno scolastico inizierà a Torrebruna - Genitori e volontari all’opera per garantire un inizio adeguato
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Torrebruna   Attualità 14/09/2016

Vince il buon senso, l’anno
scolastico inizierà a Torrebruna

Genitori e volontari all’opera per garantire un inizio adeguato

L'edificio che ospiterà le medieDomani la campanella delle scuole medie per i ragazzi di Celenza sul Trigno, Torrebruna e San Giovanni Lipioni suonerà nello stesso edificio che ospita il Comune torrese. È stato raggiunto ieri pomeriggio l'accordo tra le amministrazioni, i genitori dei paesi interessati e il dirigente scolastico. Nell'edificio di Celenza sul Trigno che ospita scuole medie ed elementari sono ancora in corso i lavori di miglioramento sismico e da qualche settimana i genitori di Torrebruna esprimevano perplessità sull'opportunità di far rientrare i ragazzi a scuola.
Il cantiere è ancora aperto e gli alunni di medie ed elementari si sarebbero trovati insieme nel primo piano con orari diversi, i rumori dei lavori in corso negli altri piani e la polvere che avrebbe potuto creare problemi a chi ha difficoltà respiratorie.

Nei giorni scorsi l'inizio dell'anno è stato posticipato, non sono mancate tensioni, ma alla fine a prevalere è stato il buon senso. "A 7 km, qui a Torrebruna – dice oggi a zonalocale.it il sindaco Cristina Lella – c'è una struttura che ha l'agibilità e ha fatto il miglioramento sismico negli anni 2006-2008 (dopo il terremoto San Giuliano di Puglia). In questo edificio al piano inferiore c'è il Comune, mentre il piano superiore è libero. Dopo tante insistenze, il sindaco celenzano Walter Di Laudo ha accolto il suggerimento evitando di corrre rischi inutili. L'anno inizierà qui e proseguirà fino a quando non termineranno lavori, collaudo ecc., presumibilmente a fine ottobre. Le scuole elementari, invece, saranno spostate in un'altra struttura di Celenza sul Trigno. Per la materna, che ospita anche 4 nostri bambini, invece si è deciso di iniziare lunedì 3 ottobre non essendo scuola dell'obbligo".

Cristina LellaGENITORI E VOLONTARI ALL'OPERA - Dopo la riunione di ieri pomeriggio, quindi, sono iniziati stamattina i lavori per far sì che domani sia tutto pronto. Il Comune di Torrebruna ha un solo dipendente a disposizione, quindi è diventato fondamentale l'apporto di genitori e volontari che in queste ore si stanno prodigando per arredare le stanze e pulire i locali. 
"Siamo felicissimi per la vittoria del buon senso – continua Cristina Lella – Stiamo organizzando i viaggi con i pulmini distribuendo un l'impegno tra i vari mezzi a disposizione delle due amministrazioni. Da stamattina genitori e volontari stanno lavorando duramente per far sì che l'anno inizi nel migliore dei modi. Colgo l'occasione per ringraziare tutte le mamme e tutti i volontari che in mezza giornata si sono impegnati nel sistemare gli ambienti".

IN ATTESA DEL POLO SCOLASTICO - La vicenda, nel frattempo, ha rilanciato la dura realtà del numero degli studenti nei piccoli comuni del Vastese. Dopo il fallimento della possibilità di un polo scolastico a Dogliola [LEGGI], ci si aggrappa all'altro progetto allo studio tra i territori di Palmoli e Carunchio.
Per il primo cittadino di Torrebruna è un'occasione da non perdere, ma nel frattempo bisognerebbe ragionare andando oltre i campanili: "Fino a quando sarò sindaco mi batterò per un polo unico. Ho, però, di nuovo ribadito che nel frattempo si dovrebbero distribuire elementari e medie tra i vari comuni; ad esempio accorpare in un comune le elementari di Torrebruna, Celenza e magari Carunchio per avere classi complete senza pluriclassi, lasciando a Celenza le medie. Se non ci rendiamo conto che abbiamo bisogno gli uni degli altri, se non ci consideriamo tutti come quartieri di un'unica città siamo già morti".

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi