Staff sindaco, il M5S porta il ’caso Pollutri’ in Corte dei Conti - Cieri e Carinci: "Il sindaco ha ignorato la nostra interrogazione"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 08/09/2016

Staff sindaco, il M5S porta il
’caso Pollutri’ in Corte dei Conti

Cieri e Carinci: "Il sindaco ha ignorato la nostra interrogazione"

Dina Carinci e Ludovica Cieri"In data 18 luglio il Gruppo consiliare M5S di Vasto ha protocollato un’interrogazione a risposta scritta, rivolta al sindaco Menna, con riferimento alla particolare situazione del sig. Angelo Pollutri, coordinatore del suo Staff, che risultava all’epoca, (ed ancora oggi) essere presidente del Consiglio di amministrazione della Società Autoservizi Cerella S.r.l., Società partecipata dalla Regione Abruzzo per il 51,58 %; oltre che consigliere comunale di Cupello. Tale condizione crea, a parere delle interroganti, una palese violazione del Regolamento per la disciplina delle incompatibilità ed inconferibilità di incarichi extra istituzionali al personale dipendente (approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. 133 in data 29/04/2015), in quanto il signor Pollutri ha ancora 'cariche in società costituite a fine di lucro' per le quali agisce nell’esercizio di rappresentanza, ed in quello di amministrazione espressamente incompatibili con il ruolo di dipendente pubblico secondo il Regolamento che lo stesso Comune di Vasto si è dato".

Lo ricordano le consigliere del M5S Ludovica Cieri e Dina Carinci che precisano: "Nell’interrogazione si è chiesto al sindaco se questi avesse intenzione di acquisire le dimissioni del signor Pollutri da Presidente del Consiglio di Amministrazione della Società Autoservizi Cerella S.r.l., o di procedere con altri atti tesi a promuovere il rispetto e la affermazione di una prassi di legalità. Ad oggi, il Sindaco ha mantenuto il silenzio più assoluto, ignorando i termini previsti dal regolamento (30 giorni) ed annullando di fatto il valore di una prerogativa che dovrebbe essere riconosciuta ai consiglieri comunali, compresi quelli del M5S, che sono stati di fatto bypassati. Il Sindaco, come si evince dalla comunicazione ufficiale della seduta straordinaria del Consiglio Comunale prevista per il 12 settembre p.v., si riserverà di dare risposta orale al Consigliere Suriani, che aveva depositato anch’egli una interrogazione sullo Staff. Facciamo solo notare che in occasione del primo consiglio comunale dello scorso agosto, il Consigliere di FdI aveva rinunciato per cortesia istituzionale alla risposta orale, avendo ricevuto dal Presidente del Consiglio Forte, la rassicurazione che attraverso la risposta scritta del Sindaco sarebbero state soddisfatte entrambe le iniziative dei Consiglieri appartenenti ai due Gruppi, M5S e FdI, appunto. Una cortesia istituzionale non ricambiata dalla correttezza e dal rispetto delle regole, evidentemente".

Da qui le considerazioni conclusive: "Prendiamo atto del fatto che il Sindaco non ha voluto, o saputo, dare risposta scritta ad una legittima iniziativa di un Gruppo consiliare di opposizione, venendo meno ad un suo specifico dovere; la questione per noi permane ed è anzi aggravata da un silenzio ingiustificato, scorretto e colpevole, e non sarà certamente soddisfatta da un discorsetto fatto in Aula au passant, nel corso di una seduta straordinaria di Consiglio comunale richiesto dalle forze di Opposizione su tutt’altro argomento; è inaccettabile che il Sindaco o chi per esso abbia cercato di prendere tempo adducendo a scusa i tempi di attesa – dovuti alle ferie di agosto – per ottenere pareri esterni, fosse anche quello dell’ANAC; se la scelta fatta sarà confermata,facendo rimanere inalterarti i termini della situzione e condizione, il Sindaco e chi lo (mal)consiglia si assumeranno le proprie responsabilità dinnanzi ai cittadini di Vasto, che ancora attendono di capire se il loro Primo Cittadino ritenga corretta ed eticamente opportuna, oltre che legittima, questa scelta".

Nel frattempo il M5S Vasto ha annunciato che segnalerà il caso alla Corte dei Conti, "il cui orientamento rispetto all’operazione fatta dal Comune di Vasto verrà ovviamente reso noto ai cittadini".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi