Maltrattamenti agli anziani, chiesta la scarcerazione - Casa famiglia chiusa, la difesa ha presentato istanza al Riesame
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 11/08/2016

Maltrattamenti agli anziani,
chiesta la scarcerazione

Casa famiglia chiusa, la difesa ha presentato istanza al Riesame

I magistrati Giampiero Di Florio e Gabriella De LuciaE' fissata per il 18 agosto l'udienza in cui il Tribunale del riesame dell'Aquila deciderà se possono tornare liberi I.R., 58 anni, e la sua compagna, C.G., 48, arrestati a luglio a Vasto con l'accusa di maltrattamenti, lesioni volontarie e abbandono di incapace ai danni degli anziani della casa famiglia Arcobaleno, chiusa da magistratura e carabinieri.

I due gestori della struttura sono stati arrestati tre settimane fa dai carabinieri su ordine di custodia cautelare emesso dal gip del Tribunale di Vasto su richiesta della Procura, che ha coordinato l'inchiesta tramite il procuratore capo, Giampiero Di Florio, e il sostituto procuratore Gabriella De Lucia. Le indagini, scaturite da alcune segnalazioni, si sono avvalse anche di immagini video utilizzate per documentare quanto accaduto all'interno della casa famiglia.

La difesa, rappresentata dall'avvocato Alessandra Cappa, sostenendo il venir meno delle esigenze cautelari, ha presentato istanza di scarcerazione o, in subordine, di concessione degli arresti domiciliari.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi