Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 luglio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Pescara   Attualità 04/08/2016

Ryanair resta a Pescara:
Regione coprirà parte delle spese

D’Alfonso: "Obiettivo un milione di passeggeri"

RyanairRyanair conferma i collegamenti da e per l'aeroporto d'Abruzzo, dopo lo stop all'aumento della tassa di imbarco. Lo fa sapere il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D'Alfonso, al termine dell'incontro a Roma con il ministro Delrio, l'ad della compagnia irlandese, Michael O'Leary, il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini e dal governatore della Sardegna, Francesco Pigliaru.

"Il lavoro fatto in cento giorni - dice D'Alfonso - ha portato risultati, non solo per l'Abruzzo ma anche per le altre regioni".

La conferma della base di Pescara giunge all'indomani dell'approvazione del decreto legge sugli Enti locali, dal quale è stato eliminato l'aumento della tassa d'imbarco. 

La compagnia irlandese low-cost mantiene, dunque, i collegamenti tra Pescara, Barcellona, Londra, Charleroi, Dusseldorf, Parigi, Bergamo, Francoforte. 

"Ryanair - afferma D'Alfonso - ha riconosciuto il nostro lavoro: la connettività aerea è confermata. Una parte della copertura finanziaria arriverà dalla Regione, e domani in Giunta promuoveremo un bando per la collocazione turistica dell'Abruzzo. Puntiamo a superare le 700mila presenze annuali e, in futuro, anche il milione. Da ora la partita prosegue in Europa, per costruire e superare tutti gli ostacoli".

Nel 2015 l'aeroporto di Pescara ha superato quota 600mila viaggiatori.

(Fonte: ANSA)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi