Controlli anti abusivismo, scatta la denuncia per resistenza - Due blitz delle forze dell’ordine sulla statale 16 e in spiaggia
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


9 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 29/07/2016

Controlli anti abusivismo,
scatta la denuncia per resistenza

Due blitz delle forze dell’ordine sulla statale 16 e in spiaggia

(foto di repertorio)Resistenza a pubblico ufficiale. Con questa accusa le forze dell'ordine hanno denunciato a Vasto Marina un commerciante ambulante che stava vendendo frutta e verdura lungo la statale 16. 

I controlli sono scattati stamattina in località San Tommaso, lungo il tratto sud dell'arteria adriatica. In base a quanto raccontano alcuni automobilisti che a quell'ora si trovavano a transitare in zona, all'arrivo di poliziotti, carabinieri e agenti municipali sarebbe scattato un lancio di frutta verso la carreggiata. "Ci sono stati attimi di concitazione", conferma Giuseppe Del Moro, comandante della polizia municipale. "La vendita ortofrutticola veniva effettuata tramite postazione fissa e non in forma itinerante, come invece è previsto dalla normativa. Nella circostanza sono state rilevate 4 violazioni amministrative punite con verbali da un minimo di circa 1000 euro a un massimo di circa 5000 euro e sequestro di prodotti ortofrutticoli e attrezzature funzionali alla vendita. La merce sequestrata, in quanto merce deperibile, è stata devoluta alla Caritas". 

Inoltre, nell'ambito dei controlli eseguiti dai vigili per contrastare il fenomeno dell'abusivismo, "in spiaggia venivano fermati due soggetti noti, a cui venivano sequestrati: abbigliamento, oggettistica regalo, accessori telefonia, chincaglieria varia, cappelli, occhiali contraffatti".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi