San Salvo   Musica 22/07/2016

Gazich in concerto a San Salvo
insieme al vastese Pellicciotti

Domenica 24 luglio appuntamento con la musica etnico-popolare

Gazich e PellicciottiPer la "Rassegna Cantautori" 2016, domenica 24 luglio, alle ore 21.30 in piazza San Vitale, sarà in concerto a San Salvo Michele Gazich. L'artista proporrà il suo particolare sound, etnico-popolare eppure colto e contemporaneo, ricco degli echi delle collaborazioni e delle contaminazioni con altre culture musicali, europee e americane. Operante dall’inizio degli anni Novanta, Gazich è portatore di una visione totale della musica. Con la sua voce e il suo violino, sempre in viaggio, ha sviluppato una dimensione di nomadismo artistico e di ricerca costante: incarnazione contemporanea dell’ebreo errante. Nell’ambito di questo continuo viaggiare, è nato l'incontro con il vastese: un rapporto che dura da dieci anni e che ha prodotto concerti in luoghi significativi e diversi del comprensorio. 

Il concerto di San Salvo nasce dall’amicizia intellettuale e artistica con il giovane musicista vastese Jacopo Pellicciotti. Jacopo, con audacia intellettuale e spirito di avventura, ha riscoperto la zampogna, nata nel Sannio in epoca pre-romana. Pellicciotti propone una moderna versione della zampogna, che allude allo storico strumento, ma, al contempo, lo aggiorna, attraverso l’utilizzo di ulteriori chiavi e altri stratagemmi costruttivi, unitamente ad una scaltrita tecnica esecutiva.

Gazich ha coinvolto Pellicciotti nelle registrazioni dell'album “La via del sale”, che sarà pubblicato il prossimo autunno e poi portato in tour in Italia ed Europa. Accanto a loro, alle chitarre, Marco Lamberti, storico collaboratore di Gazich, e Lara Molino, con un proprio specifico contributo.

L'INTERVISTA A GAZICH E PELLICCIOTTI [GUARDA]

La sera del 24 luglio saranno anticipati alcuni brani dal nuovo album, ma l'ossatura del concerto è costituita da canzoni dedicate a poeti del Novecento: da Gabriele d’Annunzio a Ezra Pound, da Cristina Campo a Paul Celan, a Pier Paolo Pasolini.  A chi gli chiede: “Che effetto fa suonare in Abruzzo, dopo tanti concerti in giro per il mondo?", Gazich risponde: “Penso che Dio sopravviva nei dettagli, nelle crepe dei centri commerciali. Per me non esiste sede più o meno prestigiosa; ciò che ha senso è portare un messaggio in ogni luogo. La mia arte è anche arte dell’incontro e questa serata celebra la mia amicizia artistica ed intellettuale con Jacopo e il suo legame, che ora è in parte anche il mio, con questa meravigliosa terra d’Abruzzi”. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi