Rimosse le ringhiere in mare: erano abbandonate da tre anni - Con un braccio meccanico la Protezione civile ha tolto le balaustre dal fondale
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 13/07/2016

Rimosse le ringhiere in mare:
erano abbandonate da tre anni

Con un braccio meccanico la Protezione civile ha tolto le balaustre dal fondale

Vasto Marina. Le operazioni di rimozione delle ringhiereErano crollate tre anni fa. Per oltre mille giorni le vecchie ringhiere del lungomare nord di Vasto Marina sono rimaste abbandonate sul fondale, anche dopo la ristrutturazione della passerella prospiciente il Monumento alla Bagnante, tornata agibile nella primavera del 2015. 

Le segnalazioni - Gennaio 2013 [LEGGI] - Marzo 2013 [LEGGI] - Maggio 2016 [LEGGI]

Oggi ci ha pensato la Protezione civile di Vasto a rimuovere le balaustre arrugginite. Due adetti si sono immersi e le hanno agganciate al braccio meccanico utilizzato per issarle e accatastarle sul mezzo che le ha trasportate.

"Le vecchie ringhiere - sottolinea Eustachio Frangione, responsabile della Protezione civile di Vasto - costituivano un pericolo per i bagnanti. Su richiesta dell'assessore Luigi Marcello, i nostri volontari hanno rimosso oltre 30 metri di ringhiere arrugginite in alcuni casi incastrate tra di loro tra il plauso dei presenti. Rimossi anche alcuni altri oggetti pericolosi. L'intera operazione durata circa 4 ore con l'intera area chiusa per motivi di sicurezza, ha reso il tratto di spiaggia decisamente più sicuro".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi