Esposizione all’amianto nell’ex Magneti Marelli, 7 ricorsi accolti - Giangiacomo: ’Premiato il coraggio degli ex lavoratori’
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Salvo   Attualità 12/07/2016

Esposizione all’amianto nell’ex
Magneti Marelli, 7 ricorsi accolti

Giangiacomo: ’Premiato il coraggio degli ex lavoratori’

Altri 7 ex lavoratori della Denso (ex Magneti Marelli) hanno ottenuto l'accoglimento dei propri ricorsi riguardanti l'esposizione all'amianto all'interno della fabbrica sansalvese.
Nei giorni scorsi ci sono state le sentenze del Giudice del Lavoro Italo Radoccia per il riconoscimento pensionistico dovuto. 

Il legale dei lavoratori, Fabio Giangiacomo (Inca Cgil), commenta rimarcando che "negli ultimi anni l’evolversi della legislazione in materia ha trasformato l’esercizio di quel diritto in una vera e propria corsa ad ostacoli con termini e formalità contraddittorie che hanno messo in difficoltà gli operatori e scoraggiato i lavoratori nell’intraprendere  la tutela della delle proprie ragioni".

Fabio Giangiacomo"In particolare – continua Giangiacomo – un plauso va espresso ai lavoratori che hanno proposto il ricorso nonostante un orientamento contrario della Corte d’Appello de L’Aquila che considera già decadute procedure iniziate dopo il 2008 o dopo tre anni dal pensionamento, con conseguente rischio del pagamento delle spese legali. L’esito positivo invece vedrà premiato il loro coraggio con un aumento della pensione sino al massimo del loro tetto contributivo. La giustezza delle procedure amministrative intraprese è stata prima avallata dalla Cassazione e, di recente dalla Corte di Appello, che applicando  il giusto termine di decadenza, ha cambiato orientamento".

Soddisfazione per le sentenze è stata espressa anche dall'Inca Cigl: "La Cgil sul tema amianto nell’ex Magneti Marelli ha dapprima sul piano sindacale, con le altre sigle, allargato l’originaria platea degli aventi diritto, sulla base dello studio mirato di stabilimenti esteri con analoghe caratteristiche, poi ha difeso i lavoratori ingiustamente esclusi vincendo anche pretesi ostacoli procedurali. La tutela dei diritti dei lavoratori presuppone coraggio e competenza".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi