Semafori in tilt, Del Moro: "Da rifare 13 impianti" - Apparecchi vecchi di trent’anni. Nel centro transennata via Naumachia
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 27/06/2016

Semafori in tilt, Del Moro:
"Da rifare 13 impianti"

Apparecchi vecchi di trent’anni. Nel centro transennata via Naumachia

Vasto Marina: semaforo perennemente spento e segnaletica assente sulla statale 16Nei giorni in cui il flusso verso il mare torna a farsi notevole, a Vasto Marina il semaforo della discordia è sempre spento. Come tutti i semafori di Vasto, vecchi di trent'anni. "Non durano più di pochi giorni", conferma Giuseppe Del Moro, comandante della polizia municipale. "E' necessario un appalto per rimettere a norma tutti gli impianti semaforici. A Vasto, dopo la realizzazione delle ultime rotatorie, ne sono rimasti 13. Appena rimettiamo a posto le centraline, nel giro di poco tempo vanno in tilt".

Il tutto mentre, proprio all'altezza del semaforo di via Donizetti, a distanza di settimane dal rifacimento dell'asfalto, si attende ancora che l'Anas realizzi la nuova segnaletica. Gli attraversamenti pedonali, fanno notare i residenti, sono invisibili e le auto, complice il semaforo costantemente guasto, sfrecciano a velocità elevata.

Via Naumachia - Intanto, nel centro storico, transennata via Naumachia, dove da maggio è stata istituita l'area pedonale. "Le transenne - spiega Del Moro - si sono rese necessarie per abituare l'utenza al rispetto del divieto di transito. Verranno sostituite con delle fioriere. L'istituzione della zona pedonale si è resa necessaria perché, con passaggio dei veicoli a motore, la strada, che è molto stretta, era pericolosa per pedoni, disabili e genitori con passeggini".

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi