Semafori in tilt, Del Moro: "Da rifare 13 impianti" - Apparecchi vecchi di trent’anni. Nel centro transennata via Naumachia
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 27/06/2016

Semafori in tilt, Del Moro:
"Da rifare 13 impianti"

Apparecchi vecchi di trent’anni. Nel centro transennata via Naumachia

Vasto Marina: semaforo perennemente spento e segnaletica assente sulla statale 16Nei giorni in cui il flusso verso il mare torna a farsi notevole, a Vasto Marina il semaforo della discordia è sempre spento. Come tutti i semafori di Vasto, vecchi di trent'anni. "Non durano più di pochi giorni", conferma Giuseppe Del Moro, comandante della polizia municipale. "E' necessario un appalto per rimettere a norma tutti gli impianti semaforici. A Vasto, dopo la realizzazione delle ultime rotatorie, ne sono rimasti 13. Appena rimettiamo a posto le centraline, nel giro di poco tempo vanno in tilt".

Il tutto mentre, proprio all'altezza del semaforo di via Donizetti, a distanza di settimane dal rifacimento dell'asfalto, si attende ancora che l'Anas realizzi la nuova segnaletica. Gli attraversamenti pedonali, fanno notare i residenti, sono invisibili e le auto, complice il semaforo costantemente guasto, sfrecciano a velocità elevata.

Via Naumachia - Intanto, nel centro storico, transennata via Naumachia, dove da maggio è stata istituita l'area pedonale. "Le transenne - spiega Del Moro - si sono rese necessarie per abituare l'utenza al rispetto del divieto di transito. Verranno sostituite con delle fioriere. L'istituzione della zona pedonale si è resa necessaria perché, con passaggio dei veicoli a motore, la strada, che è molto stretta, era pericolosa per pedoni, disabili e genitori con passeggini".

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi