Canoni consortili, agricoltori di nuovo sul piede di guerra - Giovedì e venerdì annunciati sit-in e occupazione al Consorzio
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 21/06/2016

Canoni consortili, agricoltori
di nuovo sul piede di guerra

Giovedì e venerdì annunciati sit-in e occupazione al Consorzio

Una delle precedenti manifestazioni"Cia, Confagricoltura e Copagri della Provincia di Chieti lamentano con disappunto come nel Bilancio di previsione per l’anno 2016 del Consorzio di Bonifica Sud non vi sia contenuto alcun riscontro contabile circa gli impegni assunti dalle istituzioni regionali nel corso degli incontri con le scriventi". Così i rappresentanti delle stesse organizzazioni, che spiegano: "In particolare non si è fornita alcuna indicazione risolutiva alla richiesta tuttora attuale di rivedere l’aumento dei canoni consortili per il corrente anno, deciso in maniera unilaterale senza alcun accordo con le Organizzazioni professionali agricole. Aumento che ribadiamo è insostenibile per le imprese agricole".

"Le scriventi organizzazioni professionali ritengono il Consorzio strumento indispensabile per il futuro dell’agricoltura chietina ma non possono vedere solo le imprese agricole farsi carico dell’attuale situazione. Rimarcano come hanno sempre avuto un atteggiamento fattivo e propositivo ma oggi ribadiscono come l’assoluta assenza di risposte alle loro richieste ed agli impegni assunti nei confronti degli agricoltori li costringa ad azioni quali l’occupazione simbolica della sede consortile di Vasto nei giorni giovedì 23 e venerdì 24 giugno al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica e rinnovare l’assunzione degli impegni assunti da parte delle Istituzioni regionali".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi