CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 febbraio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 09/06/2016

Furto alle Poste: condanna
a un anno e mezzo, pena sospesa

La sentenza: c’è stata appropriazione indebita di 15mila euro, da restituire

Vasto. L'ufficio postale di via Giulio CesareUn anno e 6 mesi, pena sospesa. E' la condanna che il Tribunale collegiale di Vasto ha inflitto a P.R., il 57enne dipendente delle Poste accusato di aver sottratto 15mila euro dall'ufficio di via Giulio Cesare nell'ottobre 2012

Al termine della requisitoria, il pubblico ministero, Enrica Medori, aveva chiesto una condanna a 4 anni per l'accusa di peculato.

Nella sua arringa, invece, l'avvocato difensore dell'imputato, Giovanni Cerella, aveva sostenuto la tesi della "derubricazione del reato ad appropriazione indebita perché Poste Italiane non sono più un ente pubblico, ma una società privata, quindi non si applica il reato di peculato".

A distanza di circa 4 anni dal fatto accaduto all'interno dell'ufficio Poste business della filiale di via Giulio Cesare, il collegio giudicante, composto da Italo Radoccia (presidente), Fabrizio Pasquale e Stefania Izzi (giudici a latere), ha condannato l'imputato a un anno e 6 mesi di reclusione, pena sospesa. 

"Appena verrà depositata la sentenza - annuncia Cerella a Zonalocale.it - ricorreremo in Corte d'appello. Puntiamo alla prescrizione, che scatta al decorrere di 7 anni e mezzo dal fatto. Attualmente, il mio assistito lavora all'ufficio postale di Chieti Scalo. Ogni mese gli viene trattenuta dallo stipendio una piccola somma per la graduale restituzione dei 15mila euro".

Codici: "Sospendere il dipendente" - La "sospensione del dipendente condannato". A chiedere il provvedimento è Riccardo Alinovi, delegato nazionale dell'associazione Codici-centro per i diritti del cittadino. Secondo Alinovi, "Poste italiane non può continuare a mantenere tra i suoi dipendenti una persona condannata per appropriazione indebita di 15mila euro ai danni delle stesse Poste italiane. Altrimenti, siamo di fronte a un'anomalia. E' necessario un provvedimento di sospensione". 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       

      Chiudi
      Chiudi