Chiusure e tagli orari nei piccoli comuni, Poste Italiane ci ripensa - Dopo le sentenze del Tar, l’azienda torna sui propri passi
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Lentella   Attualità 23/05/2016

Chiusure e tagli orari nei piccoli
comuni, Poste Italiane ci ripensa

Dopo le sentenze del Tar, l’azienda torna sui propri passi

L'ufficio postale di CarunchioDavide che vince contro Golia? Sembrerebbe proprio di sì: Poste Italiane fa dietrofront sul contestatissimo piano di razionalizzazione degli uffici che avrebbe lasciato indietro oltre mille comuni tra chiusure e riduzione dei giorni di apertura (455 i primi, 609 i secondi). Decisive nel passo indietro del colosso diverse sentenze del Tar che ha dato ragione ad alcuni piccoli comuni. 
L'ultimo in ordine di tempo è stata quella del Tar toscano che ha accolto il ricorso di Zeri (Massa Carrara), ma tra i novelli Golia c'è anche un piccolo centro abitato abruzzese, Mutignano, una frazione di Pineto (Te).

Come scrive oggi La Stampa, "Poste Italiane non è un’azienda privata come le altre, offre un servizio pubblico e come tale deve mitigare ragioni economiche e di servizio. Si pensi ai paesini di montagna o difficilmente raggiungibili, che senza un ufficio postale rischierebbero di essere ancora più isolati".
Nel Vastese a toccare con mano il piano di razionalizzazione delle Poste sono stati finora gli abitanti di Carpineto Sinello, Carunchio, Celenza sul Trigno, Lentella, Liscia, Torrebruna, Palmoli, Schiavi d’Abruzzo e Roccaspinalveti: qui gli uffici postali, da settembre 2015, sono aperti tre giorni a settimana. Per quello di San Giacomo (Scerni), invece è scattata la chiusura.
Le difficoltà di spostamento tra questi comuni erano tra i principali motivi di contestazione degli amministratori locali insieme all'età media avanzata che mal si concilia con la politica aziendale di deviare sempre più servizi negli sportelli on line. 

Cosa accade ora? Il ripensamento di Poste va visto soprattutto in un'ottica futura. La riduzione dei giorni di apertura era vista come un primo passo per la definitiva chiusura; una probabilità confermata anche da fonti interne che si sarebbe concretizzata nel 2017. Ora la chiusura dei piccoli uffici sembra scongiurata, Poste Italiane alla Stampa ha spiegato che "non ci sono Poste senza posta. Il nostro è e deve restare un servizio di prossimità al cittadino. Quindi valuteremo caso per caso". Si aprono così spazi di negoziazione con i sindaci anche sulla rimodulazione degli orari.

Nel Vastese il 23 febbraio 2015 i sindaci dei Comuni coinvolti avevano risposto all'appello del primo cittadino di Lentella, Carlo Moro, che li aveva chiamati a raccolta in un'assemblea pubblica alla quale era presente anche il senatore vastese Gianluca Castaldi per intraprendere iniziative comuni contro la razionalizzazione [LEGGI]; tali istanze furono poi rilanciate dall'Anci Abruzzo [LEGGI].

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi