Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 16/05/2016

Stella Maris, il muro è sempre
più pericoloso, nessuno interviene

Via Zara ancora transennata e l’area dell’ex stazione è abbandonata

Uno dei due muri pericolantiContinuano a perdere pezzi il muro di cinta della canonica di Stella Maris e il terrapieno della ex stazione ferroviaria di Vasto Marina. E' transennata ormai da circa sei mesi la parte esterna della carreggiata di via Zara, la discesa che conduce a piazza Rodi. Nuovi crolli si sono verificati di recente, ma di interventi nemmeno l'ombra. Il muraglione di contenimento delle aree di risulta è pericolante: è di proprietà delle Fs che, nonostante le sollecitazioni, non hanno fatto eseguire i lavori di ripristino e consolidamento e neanche di messa in sicurezza temporanea. Oltre al pericolo, ci sono anche i disagi causati dal restringimento della strada e dall'impossibilità a parcheggiare per i rersidenti della zona.

A una manciata di giorni dall'avvio della stagione balneare, l'area dell'antico scalo di piazza Fiume (aperto nel 1863 e chiuso nel 2005) versa in pessime condizioni, completamente abbandonata. All'interno della vecchia stazione si susseguono bivacchi e atti vandalici. All'esterno, il parcheggio da 700 posti ricavato dal piazzale dei binari è abbandonato. 

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi