Truffe agli anziani, Calabrò: "Nessuno ritira soldi a domicilio" - L’appello del comandante provinciale dei carabinieri nel suo intervento a Furci
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Furci   Attualità 01/05/2016

Truffe agli anziani, Calabrò:
"Nessuno ritira soldi a domicilio"

L’appello del comandante provinciale dei carabinieri nel suo intervento a Furci

Luciano CalabròGli ultimi casi si sono verificati a Furci qualche settimana fa. La tecnica è quella del presunto incidente per il quale viene chiesta una somma per evitare il carcere all'automobilista.
A invitare a una maggiore attenzione è stato il comandante provinciale dei carabinieri, Luciano Calabrò, in occasione del convegno di Furci in memoria di Angelo Cianciosi venerdì scorso [LEGGI]. È stato il primo cittadino Angelo Marchione a sottolineare come la collaborazione con gli uomini dell'Arma presenti in paese abbia evitato nelle settimane scorse l'ennesimo raggiro ai danni degli anziani.

Come spiegato, poi, da Calabrò, ci sono diverse varianti, ma la traccia principale è la stessa: "L'anziano viene chiamato al telefono da falsi carabinieri. Gli dicono che il figlio ha causato un incidente automobilistico e che la vettura è sprovvista di regolare assicurazione. Per questo, viene annunciato l'arrivo a domicilio di un avvocato che ritirerà i soldi di un fantomatico rimborso per evitare sanzioni più gravi come l'arresto".

Ovviamente, non c'è stato nessun incidente e "nessun avvocato va a ritirare i contanti in quel modo a casa – ha continuato Calabrò facendo appello ai ragazzi delle scuole presenti – Ditelo ai vostri nonni; noi organizziamo incontri di sensibilizzazione pubblici con associazioni e parrocchie, ma c'è chi continua a cadere nel tranello. Per ogni dubbio, dite loro, di chiamare il 112, così possiamo anche rintracciare i truffatori".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi