Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Gissi   Attualità 30/04/2016

Chiusura Pantalonificio:"1° maggio
amaro, si rischia arretramento"

L’appello dei lavoratori dello stabilimento

Lo sciopero del 2013La chiusura ormai prossima del Pantalonificio Canali di Gissi [LEGGI] conferisce un sapore amaro alla festa dei lavoratori del Primo Maggio. 93 dipendenti, in maggioranza donne, vedono lunghe ombre sul proprio futuro. 
Questo il loro sfogo:

"Primo maggio amaro per i 93 dipendenti del Pantalonficio d’Abruzzo gruppo Canali. La situazione è drastica e si sta consumando sulla pelle di uomini e donne che sono delusi e senza speranze per il futuro; famiglie in cui in alcuni casi entrambi i coniugi lavoravano nello stabilimento.

Tutti parlano di lavoro, di ridare centralità al lavoro, di dare seguito all’art. 1 della Costituzione ecc. Tante belle parole che, ad oggi, purtroppo non trovano riscontro nell’agire quotidiano. La rabbia cresce, insieme alla preoccupazione di passare, a breve, in mobilità e in seguito al nulla...

E tutto questo in Val Sinello, in un'area che, negli anni passati, oltre a dare occupazione a tante persone, aveva anche fatto sì che si fermasse lo spopolamento delle aree interne e che grazie alla possibilità di lavoro era anche l’emblema dell’emancipazione e del riscatto fattivo del ruolo della donna. Con la situazione attuale si rischia un arretramento di 50 anni, con tutte le ripercussioni negative che sono facilmente immaginabili.

Fino ad oggi, seguendo la campagna elettorale per le amministrative, dispiace che nessuno abbia ancora messo in agenda un passaggio nella Val Sinello, per indicare chiaramente come si intende affrontare il problema del Pantalonificio d’Abruzzo e di tutte le altre aziende in crisi. Un silenzio tombale di tutte le forze politiche e istituzioni varie. Tutti devono sapere che seppur stremati, delusi, arrabbiati, le lavoratrici e i lavoratori, conservano ancora un valore, attraverso il quale continuare a chiedere soluzioni, che è quello della dignità. Dignità di vedere finalmente un futuro meno incerto per pensare che finalmente si possa tornare a festeggiare il 1° maggio anche dalle nostre parti, riscoprendo il vero valore che per tanti anni ha caratterizzato questa giornata. 

I dipendenti del Pantalonificio d’Abruzzo gruppo Canali

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi